Home » Articoli » Album Review » Kristóf Bacsó Quartet: Nocturne

3

Kristóf Bacsó Quartet: Nocturne

By

Sign in to view read count
Kristóf Bacsó Quartet: Nocturne
Nonostante qualche apparizione a festival italiani, e alcune collaborazioni con musicisti italiani (Nico Morelli, Giovanni Mirabassi), il sassofonista ungherese Kristóf Bacsó è tuttora poco conosciuto nel nostro paese. L'ascolto di Nocturne, secondo album pubblicato da Bacsó con il suo quartetto, ci permette di colmare questa lacuna.

Bacsó è infatti uno dei più interessanti tra i numerosi musicisti della generazione di trenta-quarantenni che stanno emergendo in terra magiara (e tra i quali figura anche l'ottimo contrabbassista Mátyás Szandai, presente in questo album). La sua proposta è un jazz di stretta attualità, che lo stesso sassofonista definisce come un mix di jazz e musica contemporanea, combinati con uno spirito centro-est europeo.

In verità, tale spirito lo avvertiamo lievissimo e piuttosto vago. Soprattutto se inteso in termini di profumi etnici o popolari (pressoché assenti). Se invece lo si intende declinare in un'attenta cura della composizione e dell'orchestrazione, allora sì, la musica di questo album ne ha in abbondanza e si inserisce a buon diritto nella migliore tradizione della musica (jazz) del vecchio continente.

Registrato dal vivo, l'album ha un andamento altalenante. Nei brani eseguiti in quartetto (l'ostinato pedale di "Metamorphosis," l'articolata e melodiosa "The Visitor," l'atipico 5/4 del "Mantra," l'esuberante "Caffeine Express") la musica si muove su atmosfere piuttosto vivaci e palesa interessanti dinamiche di gruppo. Il nucleo centrale ("Smiling Moon," "Lunar Dance" e ""Too Many Questions Left"), che vede il quartetto affiancato dal pianoforte di Kalman Olah, ha invece sfumature più notturne, ed equilibri più consolidati.

Track Listing

Metamorphosis; The Visitor; Mantra in 5-4; Smiling Moon; Lunar Dance; Too Many Questions Left; Caffeine Express.

Personnel

Kristóf Bacsó: sax alto e soprano; Kornél Fekete-Kovács: tromba, flicorno; Mátyás Szandai: contrabbasso; Ferenc Németh: batteria; Kálmán Oláh: pianoforte.

Album information

Title: Nocturne | Year Released: 2014 | Record Label: BMC Records


Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Mad Dream
Sued / Nandayapa / Bergmann / Saunders
8 Concepts of Tango
Hakon Skogstad
Evolver
Bruno Raberg Tentet

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.