Home » Articoli » I Compani: Mangiare!

Album Review

I Compani: Mangiare!

By

Sign in to view read count
I Compani: Mangiare!
Fulminato sulla via della più storica Cinecittà e stregato da Federico Fellini, il signor Bo van de Graaf campa - non solo sulle musiche di Rota - da un quarto di secolo. Alla guida di una band tipicamente "olandese" nel senso più irriverente e simpatico del termine, il sassofonista dell'area di Nijmegen, ben noto agli appassionati dei suoni free olandesi, nonché leader di un amatissimo Art Trio attivo sin dalla fine degli anni Ottanta, festeggia il venticinquesimo anniversario di un'ensemble capace da sempre di una totale multimedialità che connette con un evanescente fil rouge jazz, musica da film, teatro, poesia e danza.

Per un amante dell'Italia felliniana, quale, dunque, miglior modo di santificare l'importante anniversario? Mangiare! è ovviamente un dedicato omaggio culturale che santifica "the world of food" attraversando i tanti anni di avventure comuni del suo eptetto (qui nonetto). I quattordici brani sono una lunga scorribanda raccolta dal vivo nel tempio del jazz olandese, la Bimhuis di Amsterdam, e presso il Teatro Concordia di Enschede e completamente dedicata al mondo della cucina. I grandi cultori del suono jazz-ironico olandese, ritroveranno brani di Nino Rota, Gato Barbieri ma anche versioni dissacranti di un ipotetico nuovo inno olandese commissionato dalla Regina Beatrice, la rivisitazione del main title della colonna sonora de "La grande abbuffata" di Ferreri, una versione decisamente personale e adattata di "Habla con Ella" rinominata "Table con Hella" (ovviamente a base di tortillas, tapas, zarzuela, paella, salsa piccante e sangria) e, ancora, un'importante dedica, "The Nightservant," a quel Willem Breuker, scomparso lo scorso anno e importante influenza del collettivo.

In verità i nuovi arrangiamenti di molti brani mostrano un po' di fatica a reggere il tempo e anche se l'organico suona sempre "straight," la freschezza originaria si è ovviamente stemperata in qualcosa di più abitudinario e meno illuminante che in passato, anche se non è da dimenticare che questo disco (ripetiamo trattarsi di un "live" a tutti gli effetti) è innanzitutto una sorta di festa di compleanno e sotto questa veste andrebbe meglio valutato e considerato.

Track Listing

1 - The Temptation of Dr Antonio 4:28; 2 - Marie J'ai Faim [Mary I'm Hungry] 6:29; 3 - Sauce 2:31; 4 - Sucracid 4:02; 5 - Madame Kafka's Dinner Song 6:54; 6 - Tussendoortje a & B (Snacks) 5:35; 7 - The Nightservant 3:00; 8 - Bittersweet 6:49; 9 - New Dutch Anthem 2:19; 10 -Table Con Hella 6:05; 11 - Once Upon a Time in the East 7:24; 12 - Last Tango in Paris [Main Theme] 4:51; 13 - De Glazen Gevuld [Glasses Filled Out] 6:09; 14 - La Grande Bouffe [Main Theme] 4:20.

Personnel

Bo Van De Graaf - sax (soprano e tenore), arrangiamenti e direzione; Christoph Mac-Carty - sintetizzatore, pianoforte; Jacqueline Hamelink - violoncello; Tessa Zoutendijk - violino; Hans Sparla - trombone; Jeroen Doomernik - tromba, flicorno; Michel Mulder - bandoneon e organo; Arjen Gorter - contrabbasso; Rob Verdurmen - batteria.

Album information

Title: Mangiare! | Year Released: 2011 | Record Label: icdisc

Post a comment about this album

Tags

More

Involutions
Springbok
Off-Kilter
John Yao
Phase to Phase
Lucio Capece, Katie Porter

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.