Home » Articoli » Album Review » Dimitri Grechi Espinoza: Love Is a Losing Game

Dimitri Grechi Espinoza: Love Is a Losing Game

Dimitri Grechi Espinoza: Love Is a Losing Game
Prosegue da ormai dieci anni OREB, la ricerca solitaria di Dimitri Grechi Espinoza, che con il suo sax tenore esplora le possibilità sonore di chiese, cripte e cisterne sotterranee, giocando con le eco, i riverberi e le altre particolarità acustiche che gli restituiscono in tempo reale le note del suo strumento.

Dopo averla messa a punto lentamente, approfittando dei luoghi adatti incontrati nel corso dei suoi tour, Espinoza ha iniziato a pubblicarne gli esiti con l'etichetta Ponderosa prima nel CD Angel's Blows, registrato nel Battistero di Pisa e uscito nel 2016, poi con ReCreatio (2018) e The Spiritual Way (2020), entrambi registrati nel Cisternino, antico deposito idrico dell'acquedotto Leopoldino, in prossimità di Livorno.

In tutti questi casi, tuttavia, il programma comprendeva brani originali, studiati apposta tanto per ottimizzare le caratteristiche acustiche degli ambienti, quanto per "dialogare con sé stesso," in un progetto di ispirazione sacra, o quantomeno meditativa, che fondesse l'ascesi e la personale scoperta dell'interiorità degli spazi e dello stesso musicista che vi operava—un ideale che, come noto, è ben caro a Espinoza e caratterizza molta della sua musica, anche quando si muove in modo più tradizionale.

Questo album, invece, lo vede sì alla prova in condizioni molto simili—la registrazione è stata effettuata in un'antica cisterna romana di Volterra, addirittura con i piedi immersi nell'acqua—e con il medesimo spirito di esplorazione del suono, degli spazi e "dell'anima," ma con un programma tematico assai diverso: i dieci brani sono infatti in buona parte classicissimi standards, più tre originali lirici e con dedica—ad Albert Ayler, a John Coltrane e alla compagna—e una canzone di Amy Whinehouse, che intitola l'intero album.

Gli esiti—e non era scontato—sono tutto sommato coerenti al progetto OREB, anche grazie al fatto che alcune composizioni erano state ospitate nelle numerose esecuzioni dal vivo effettuate nel corso degli anni. I brani lirici, così come i notissimi standards, vengono utilizzati esclusivamente nella loro componente tematica, omettendo le tradizionali improvvisazioni e invece facendone risuonare le melodie, giocando con i suoni, "gonfiando" espressivamente le note quasi a enfatizzare il loro peso melodico, sempre però alla ricerca di una pulizia acustica che ne valorizzi l'essenza, mai con la ricerca di effetti interpretativi, né tantomeno virtuosistici. In tal modo gli standards si mostrano in una veste del tutto diversa, trasfigurati e valorizzati in alcuni dei loro aspetti spesso trascurati, o banalizzati dall'usura, conferendo un appeal magnetico ed estatico.

Come nel caso degli altri dischi di OREB, Love Is A Losing Game è un album che richiede una ben precisa postura d'ascolto, lontana tanto dal mainstream, quanto da tanta parte della cosiddetta "sperimentazione," e che pertanto può lasciare perplessi o perfino annoiare gli ascoltatori più distratti o meno disponibili a mettere in gioco le proprie consolidate aspettative. Tuttavia, esso è non solo l'interessante sviluppo della ricerca del sassofonista russo-livornese, ma anche di un filone di ricerca sul suono che—come Espinoza stesso spiega nella recente intervista—ha radici comuni con quanto sviluppato in altro modo da artisti come Lee Konitz, Jan Garbarek o Wayne Shorter.

Un disco decisamente atipico, pertanto, che catturerà sicuramente l'attenzione e l'interesse dei non specialisti e che richiede un ascolto attento e privo di pregiudizi da parte degli appassionati.

Album della settimana.

Track Listing

Love Is a Losing Game; Little Sunflower; In a Sentimental Mood; Summertime; Cecilia; Stella by Starlight; Holy Ayler; Naima; Coltrane’s Soul; 'Round Midnight.

Personnel

Album information

Title: Love Is a Losing Game | Year Released: 2023 | Record Label: Ponderosa


Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Tributes
Antonio Farao
Timing Is Everything
Eric Alexander
In Situ
Alexa Torres

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.