1

The Wee Trio: Live at the Bistro

BY

Sign in to view read count
The Wee Trio: Live at the Bistro
La bella copertina dell'ultimo CD del Wee Trio—in puro stile fumettistico pop art, alla Roy Lichtenstein, comprensivo di onomatopee—rappresenta i tre musicisti nell'atto di suonare. La musica poi è un'esperienza dinamica sfaccettata, in sintonia con le possibili declinazioni di una società in continuo movimento.

L'accostamento tra pop art e Live at the Bistro -disco che fotografa la performance del gruppo nell'omonimo locale di St. Louis ad un paio d'anni di distanza da Ashes to Ashes: a David Bowie Intraspective-non è casuale. Come le opere di Lichtenstein, il disco non presenta alcuna distinzione tra generi. Pop e bop, funk e rock, swing e cool jazz sono riferimenti paritetici nel caleidoscopico processo di rappresentazione musicale del gruppo. Ogni brano è in sé una sintesi antolologica della poetica del trio, in cui nulla è chiuso in parametri inalterabili. L'esecuzione di ogni pezzo è malleabile, in continuo movimento. Le tracce sonore non sono quadri chiusi. Evocano immagini sempre cangianti.

Live at the Bistro evoca un immaginario sogno sonoro americano in cui convivono cultura "alta" e "bassa," energia, frenesia, spazi meditativi, capacità di cambiare prospettiva e direzione alla musica, senso di appartenenza identitaria ad una sintassi linguistica jazzistica di tipo moderno, aspirazione e realizzazione di una musica democratica, in cui la pariteticità tra vibrafono (James Westfall), contrabbasso (Dan Loomis) e batteria (Jared Schonig) rappresenta la disciplina formale dell'intero progetto.

Che il Wee Trio sia formato da creativi è dimostrato dall'originalità del sound, che sa essere potente, flessuoso, pieno di adogmatici riferimenti espressivi e all'occorrenza scarno. Oltre che dai generi succitati, è musica che sa essere piacevolmente impreziosita perfino da echi musicali barocchi—quindi comprensivo della tradizione jazzistica che rimanda inevitabilmente al Modern Jazz Quartet.
La musica del trio non vuole sorprendere artificiosamente e a priori, semplicemente stupisce per il modo in cui è costruita: si nutre di scambi di idee tra musicisti e di esecuzioni niente affatto scontate.
La forza del gruppo scaturisce dal gioco delle parti, dall'interplay -che è il perno del sound-e da un approccio alla cultura musicale di tipo pragmatico -pluralista e plurilinguistico-nella quale le combinazioni inattese sono la norma.

Che siano standards ("Cherokee" e "There Is No Greater Love"), brani tratti dal repertorio pop di David Bowie ("Queen Bitch") o pezzi originali ("Sabotage," "White Trash Blues," "New Earth" e "Ranthem") l'assunto è lo stesso: dare alle esecuzioni un senso di profonda leggerezza musicale. Ciò rende i brani altamente leggibili al fruitore, pur in presenza di preziosi tratti di maestria e padronanza tecnica.

L'ascolto di Live at the Bistro è un'esperienza davvero entusiasmante, appagante sia per la mente che per il corpo. Si spera di poterli vedere e ascoltare quanto prima da queste latitudini.

Track Listing

Cherokee; Drum Intro; Sabotage; Vibraphone Intro; hite Trash Blues; Queen Bitch; Bass Intro; There Is No Greater Love; Space Jugglers; New Earth; Ranthem; Tig Mack; Drum Intro; White Out.

Personnel

James Westfall: vibrafono; Dan Loomis: contrabbasso; Jared Schonig: batteria.

Album information

Title: Live at the Bistro | Year Released: 2014 | Record Label: Bionic Records

Post a comment about this album

Listen

Tags

Shop Amazon

More

Svevning
Fredrik Rasten
Shadow Plays
Craig Taborn
Room 118
OSU Jazz Orchestra
Live at the Village Vanguard
Christian McBride & Inside Straight
My Astorian Queen
Martin Wind Quartet
Piano Blossoms
Marcos Ariel

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.