Home » Articoli » Will Calhoun: Life in This World

1
Album Review

Will Calhoun: Life in This World

By

Sign in to view read count
Will Calhoun: Life in This World
La biografia artistica di Will Calhoun dice molto sul suo modo di concepire il jazz, la sua tecnica gli ha consentito di suonare con molti musicisti, da B.B King a Mick Jagger, da Jaco Pastorius a Jack DeJohnette, da Paul Simon a Lou Reed. Inoltre la notorietà di Calhounn è legata ai Living Colour e Public Enemy.

Non sorprende quindi la quantità di elementi presenti nell'ultima produzione del l'energico batterista del Bronx intitolata Life in This World. Riferimenti al jazz elettrico davisiano anni '80 e '90—tromba sordinata inclusa ("Brother Will" e "Abu BakarII")-atmosfere smooth jazz ("Dorita" e la coltraniana "Naima"), suggestioni etniche africane ("Afrique Kan'e"), mainstream omaggio ai grandi maestri della musica afroamericana come Thelonious Monk ("Evidence") e Wayne Shorter ("Etcetera") e infine anche una canzone ("Love Parody"), dimostrano la voracità espressiva che contraddistingue la musica di Calhoun.

In questo CD il batterista newyorkese dispiega variopinte immagini—paradigmatiche di un mondo fittamente popolato di suoni—in qualche modo intimamente legate alla cultura nera americana. Life in This World abbonda di idee sul ritmo e sulle sue possibili sfaccettature: "Afrique Kan'e" ed "Evidence" sono un esempio. Il primo addensa e parcellizza in forma di contrappunto ritmico strati poliritmici di suoni percussivi, mentre il secondo propone un'ipotesi di africanità nella parte tematica iniziale che poi si discioglie quasi completamente nei momenti improvvistivi. In altri brani l'essenza ritmica si arricchisce di sfumature latine (soprattutto in "He Who Hops"), che in "Love for Sale" arrivano a fondersi e dialogare con colori smooth jazz e accenni al drum&bass.

Life in This World aspira ad essere un esempio di contaminazione musicale. Pur mostrando un'apertura verso nuovi probabili approcci all'arte di fondere e confondere i suoni, rimane un disco entusiasmante soprattutto per gli appassionati di batteria.

Track Listing

Brother Will; Spectrum; King Tut Strut; Love for Sale; Naima; Evidence; Afrique Kan'e; He Who Hops; Etcetera; Dorita; Love's Parody.

Personnel

Wallace Roney: tromba; Donald Harrison: sassofono; Marc Cary: pianoforte e sintetizzatore; Ron Carter: contrabbasso; Cheick Tidiane Seck: pianoforte; Charnett Moffett: contrabbasso e basso elettrico; John Benitez: contrabbasso; Brheima 'Benego' Diakite: kamalen n'goni; Doug Wimbish: basso ambientale bass; Alioune Wade: basso; Will Calhoun: batteria.

Album information

Title: Life in This World | Year Released: 2014 | Record Label: Motema Music


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to rigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Tone Paintings
Craig Davis
Yes Tomorrow
Paul Dunmall Quintet
Isn't It Romantic
Judy Whitmore
The Pan American Nutcracker Suite
Joe McCarthy's Afro Bop Alliance Big Band

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.