Home » Articoli » Paul Rutherford: In Backward Times

Album Review

Paul Rutherford: In Backward Times

By

Sign in to view read count
Paul Rutherford: In Backward Times
Si parla sempre troppo poco di Paul Rutherford, uno dei maestri assoluti dell'improvvisazione europea, trombonista avventuroso, scomparso nel 2007 a soli 67 anni. Sebbene il suo ruolo fondamentale nell'ambito dei linguaggi più radicali, a partire dagli anni Settanta, non sia mai stato messo in dubbio, è più facile che a essere citati siano Derek Bailey o Peter Brötzmann, assai più raramente il trombonista di Greenwich.

Bene dunque che Martin Davidson della Emanem (etichetta che ha in catalogo pagine fondamentali della discografia di Rutherford, con il trio Iskra 1903, lo Spontaneous Music Ensemble, nonché a suo nome) abbia pensato di raccogliere in In Backward Times quattro diverse registrazioni provenienti da anni differenti, due soli un duetto e un trio.

Il primo solo, registrato al Teatro Auteo di Milano nel 1979 da Riccardo Bergerone, vede Rutherford alle prese con il brano "Duet for One" , in cui dialoga con se stesso all'elettronica: il procedere borbottante e elefantino di alcuni momenti trova nell'elettronica una sorta di specchio deformante, che ritorna riflessi baluginanti a volte incongrui, altre volte ironicamente fischiettanti, per giungere a una vocalizzazione di sobria teatralità.

"Duet for Two" risale all'agosto del 1988 e vede questa volta il dialogo con un artista in carne e ossa come il contrabbassista Paul Rogers, musicista con cui Rutherford ha sempre avuto un feeling particolare (ricordiamo il trio GHEIM, con Nigel Morris, nonché il bel disco Rogues). Venticinque minuti di conversazione intensa e senza confini, che esplora ogni area sonica a disposizione.

Risalgono a anni più recenti poi sia il solo registrato a Bruxelles nel 2004 (questa volta senza elettronica), che i dieci minuti in trio con Veryan Weston al pianoforte e Marcio Mattos a violoncello e elettronica, del 2007. Se il solo sembra virare verso un lessico più riflessivo, il trio si diverte a aprire porte e botole segrete, con spiazzante vivacità pur nell'ormai consolidata pratica improvvisativa.

Non dimentichiamoci di Paul Rutherford!

Track Listing

Duet for One; Duet for Two; Solo for One; Trio Finale.

Personnel

Paul Rutherford: trombone, electronics; Paul Rogers: double bass; Veryan Weston: piano; Marcio Mattos: cello, electronics.

Album information

Title: In Backward Times | Year Released: 2017 | Record Label: Emanem


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter Since 1995, shortly after the dawn of the internet, All About Jazz has been a champion of jazz, supporting it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to rigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Swings High
Joe Harriott
Séances
Trevor Dunn's Trio-Convulsant avec Folie À Quatre
Songs Of Ascent Book 1—Degrees
Dave Douglas Quintet

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.