Home » Articoli » Kirk Knuffke Trio: Gravity without Airs

Album Review

Kirk Knuffke Trio: Gravity without Airs

By

Sign in to view read count
Kirk Knuffke Trio: Gravity without Airs
«Mi interessa fare della bella musica—dice il cornettista Kirk Knuffke—Anche se questa è in forma libera e d'avanguardia voglio che arrivi al cuore delle persone. Mi piace suonare veloce, forte e alto ma la bellezza è sempre al primo posto, anche se non in forme preziose. Può esserlo anche in modo ruvido».

Sono parole che illustrano bene questo doppio album inciso col pianista Matthew Shipp e il contrabbassista Michael Bisio. Anche se Knuffke ha collaborato più volte con ognuno di loro, il trio si riunisce per la prima volta sviluppando un percorso liberamente improvvisato. Quasi metà delle composizioni sono del cornettista, che le ha presentate ai partner il giorno stesso della session per favorire il massimo della spontaneità.

Allievo di Butch Morris, Kirk Knuffke è uno dei nomi più creativi della scena jazzistica contemporanea. Dopo alcune incisioni con Morris, l'ingresso nel quartetto di Matt Wilson, e numerose collaborazioni (William Parker, Myra Melford, Mary Halvorson, Ben Allison ecc...) è stato nominato miglior trombettista esordiente dal Critics Poll di Down Beat del 2015, la sua visibilità nel panorama attuale s'è incrementata con alcuni dischi da leader e raggiunto il culmine nel 2021 come membro del Red Lily Quintet di James Brandon Lewis nell'acclamato Jesup Wagon.

Registrato nel marzo 2021 a Brooklyn, il doppio album presenta la session completa, per un totale di novanta minuti. L'anomalo organico con l'assenza della batteria avvicina alcune esecuzioni alle sottigliezze di un camerismo astratto, con percorsi di lirica leggerezza. Ci riferiamo in particolare a "Between Today and May," "Paint Pale Silver" e "Today for Today" caratterizzati da lente melodie, costruite su note lunghe in situazioni sospese. Meno attenti ai valori melodici e d'impronta decisamente classico contemporanea, sono invece gli altri brani lenti ma del tutto improvvisati come "June Stretched" e "Shadows to Dance" dove le atmosfere rarefatte convivono con sequenze incisive, ricche di tensione.

I restanti brani sono quelli dinamicamente più articolati, sviluppati in un continuo gioco di relazioni: momenti di lucida compostezza si alternano con altri serrati, liberando virtuosismo e ispirazione dei singoli, senza perdere il complessivo senso della forma.

Album della settimana.

Track Listing

Gravity without Airs; Stars Go Up; Between Today and May; The Sun Is Always Shining; Birds of Passage; Time Is Another River; Paint Pale Silver; The Water Will Win; June Stretched; Blinds; Piece of Sky; Shadows to Dance; Heal the Roses; Today for Today.

Personnel

Kirk Knuffke: cornet; Matthew Shipp: piano; Michael Bisio: bass, acoustic.

Album information

Title: Gravity without Airs | Year Released: 2022 | Record Label: Tao Forms

Post a comment about this album

Tags

More

Blue Haven
Atlanticus
Origin
Joey Alexander
Shifting Sands
Avishai Cohen

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.