All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

David Virelles: Gnosis

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
David Virelles: Gnosis
Dopo il breve e visionario excursus elettroacustico di Antenna (ECM, 2016), David Virelles prosegue nella sua coraggiosa riformulazione della musica cubana sviluppando la ricerca di Mbókò, il suo debutto ECM del 2014.
Se quell'album era sottotitolato Sacred Music for Piano, Two Basses, Drum Set and Biankoméko Abakuá qui il riferimento al sacro è dato dal termine Gnosis, che indica la conoscenza esoterica, che non viene dalla ragione o dall'esperienza ma giunge dal divino.

Dei partner presenti in Mbókò restano solo il contrabbassista Thomas Morgan e Roman Diaz, il percussionista e vocalist che condivide dal 2012 (si veda Continuum, Pi Recordings) la personale indagine del giovane leader.
Noto per le collaborazioni con Henry Threadgill, Tomasz Stanko, Wadada Leo Smith, Steve Coleman o Chris Potter, Virelles è il più innovativo pianista cubano del nuovo millennio e un compositore lungimirante. Gnosis è un altro disco di ricerca, che esplora territori classico contemporanei in una sintesi con la libera improvvisazione post free e il retaggio ancestrale afro-cubano.

Inciso a New York nel maggio 2016, questo progetto è stato concepito nel 2014 ed eseguito in prima mondiale nel novembre 2015 al Music Gallery di Toronto. Nel corso dei mesi ha subìto qualche modifica in repertorio e partner ma conferma l'organico strumentale che vede il pianoforte attorniato da flauti, legni, archi e un ampio spettro percussivo.
È un percorso musicale rigoroso, che alterna parti pianistiche d'astratto camerismo e austere sequenze di taglio contemporaneo con altre dai caratteri più variopinti e ritmicamente orientati, dove gli elementi in gioco si compenetrano in relazioni nuove ed eccitanti. Come già in Mbókò, il contributo della musica cubana si manifesta nelle percussioni Abakuá e nel ritualismo vocale, di chiara derivazione africana. È forse la prima volta che elementi di questa tradizione entrano in un contesto classico-contemporaneo. La dimensione musicale scritta ha un peso rilevante in molti brani forse per sottolineare la sua importanza (spesso dimenticata) nella musica cubana. Le nostre preferenze però vanno alle sintesi con il jazz e folklore: brani come "Tierra," "Lengua I" o "Erume Kondó."

Track Listing

Del tabaco y el Azúcar; Fitití Nongo; Lengua I; Erume Kondó; Benkomo; Tierra; De Ida y Vuelta I ; Lengua II; De Ida y Vuelta II; Nuná; Epílogo; Dos; Caracola; Visiones Sonoras; De Portal; De Tres; De Cuando Era Chiquita; De Coral.

Personnel

David Virelles: piano, marimbula, voice; Román Díaz: voice, percussions; Allison Loggins-Hull: flute, piccolo; Rane Moore: clarinets; Adam Cruz: steel pan, claves; Alex Lipowksi: percussions; Matthew Gold: marimba, xilophone; Mauricio Herrera: ekón, nkonos, erikundi, claves; Thomas Morgan: bass; Yunior Lopez: viola; Christine Chen, Samuel DeCaprio: cello; Melvis Santa, Mauricio Herrera: voice.

Album information

Title: Gnosis | Year Released: 2017 | Record Label: ECM Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.