Home » Articoli » Album Review » Flavio Zanuttini: Ginkgo

Flavio Zanuttini: Ginkgo

By

Sign in to view read count
Flavio Zanuttini: Ginkgo
A un paio d'anni di distanza dal precedente disco in solitudine, La Notte, il trombettista friulano Flavio Zanuttini prosegue la personale ricerca sulle possibilità del suo strumento con questo nuovo lavoro, intitolato al Ginkgo Biloba, antichissima pianta orientale (è il simbolo della città di Tokyo) le cui foglie, sdoppiate al punto da sembrare ciascuna due, avevano già ispirato una poesia di Goethe, riportata nel libretto.

Il lavoro, suddiviso in nove brani, è complessivamente ancor più breve del precedente (ventidue minuti contro una trentina), rispetto al quale è assai più lirico e di più immediata fruibilità, a cagione del mutato orizzonte ispiratore: se nell'altro la notte trasportava le sperimentazioni sullo strumento verso espressività scure e cupe, spesso fortemente frammentate, qui l'immaginaria esplorazione della pianta si traduce nella musica in scenari più aperti, frequentemente lirici e comunque luminosi anche nei momenti più informali.

Lirica è così l'apertura, "Radici," a cui fanno seguito due episodi espressivi: "Legno," in cui una nota fissa, reiterata, viene timbricamente mutata, sporcandola e arricchendola di armonici; "Chioma d'autunno," dove invece con vari artifici rumoristici viene sviluppato un discorso che dà l'idea di sfrangiamento. "Linfa" torna su un tema lineare, minimale, ripetuto con variazioni d'altezza e accompagnamento ritmico, quasi a illustrare la pulsazione del liquido scorrere entro la pianta. "Floema" e "Xilema," ispirate da parti fibrose della pianta, sono condotte con una sonorità ruvida, soffiata e borbottante, tematicamente la prima, su nota fissa la seconda, che si affida interamente ai sottili mutamenti timbrici. In "Foglia" tornano il suono nitido e un accompagnamento ritmico, ma soffi e scabrezze fanno capolino qua e là. Anche "Chioma di primavera" rende l'idea di sfrangiamento, ma in modo più luminoso della precedente "Chioma d'autunno," mentre la conclusiva "The Singol Petal Of Rose" è un progressivo scaturire di suoni nitidi e frasi liriche da soffi e schiocchi.

Lavoro di ricerca e sperimentazione, Ginkgo è comunque un lavoro suggestivo e che dona sensazioni inaspettate.

Track Listing

Radici; Legno; Chioma d’autunno; Linfa; Floema; Xilema; Foglia; Chioma di primavera; The Singol Petal of Rose.

Personnel

Album information

Title: Ginkgo | Year Released: 2022 | Record Label: Setola di Maiale


< Previous
People

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Journey to Where
Trish Clowes & Ross Stanley
Torque
Tourismo
Influences
Jared Hall

Popular

For Real!
Hampton Hawes
My Prophet
Oded Tzur
Nimble Digits
Geoff Stradling
Time Again
Koppel, Blade, Koppel

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.