Home » Articoli » Album Review » The Vandermark 5: Free Jazz Classics Vols. 3 & 4

1

The Vandermark 5: Free Jazz Classics Vols. 3 & 4

By

Sign in to view read count
The Vandermark 5: Free Jazz Classics Vols. 3 & 4
Terzo e quarto volume della serie Free Jazz Classics, originariamente abbinati come "bonus disc" alle prime copie degli ultimi due dischi in studio dei Vandermark 5 con ancora il trombonista Jeb Bishop in formazione, qui riuniti in un doppio come fu per i loro fratelli maggiori, questi "percorsi" di rilettura del repertorio di Sonny Rollins e Rahsaan Roland Kirk sono in qualche modo un punto di snodo nella ormai consistente storia del quintetto chicagoano.

Non solo perché, come accennato, vedono ancora la presenza - tra l'altro essenziale, come vedremo - di Bishop, mentre nell'attuale formazione c'è Fred Lonberg-Holm al violoncello, ma anche perché negli ultimissimi tempi lo stesso Ken Vandermark ha manifestato l'intenzione di fare dei passi ulteriori nel superamento di questo confronto con la tradizione.

È bene intendersi subito: il rapporto che il sassofonista e clarinettista ha incessantemente portato avanti con le esperienze più varie del jazz degli ultimi quarant'anni è da intendersi come una delle modalità di messa in gioco della propria personalità creativa più sincere messe in atto nel jazz degli ultimi anni, in grado di riaccendere quesiti e necessità troppo rapidamente superate [o volutamente rimosse], lontana da quella doverosa palestra che ogni buon musicista conosce e che è lo specchiarsi con le personalità più importanti della musica afro-americana.

Riappropriarsi dei brani, delle atmosfere, delle strategie, dell'energia di quelle esperienze continua a rappresentare il modo più intenso per mantenere il contatto con quella sorta di fuoco olimpico che è la linea di tradizione jazz, da passare di mano in mano e plasmare lungo il proprio percorso in fiamme sempre nuove. Diversamente dalla riproposizione di canoni e regole scelte arbitrariamente come "universali", questo percorso - spesso duro, spesso in grado di infliggere all'ego strumentale delle paurose mazzate e la sottovalutazione dello stesso Vandermark come strumentista né è una conferma lampante - consente di sintetizzare progressivamente dentro la propria musica le diverse modalità espressive incontrate, consente di costruirsi una lingua ricca, dotata di molteplici strati di significato, densa e emotivamente coinvolgente.

Questo è certamente stato il "viaggio" di Vandermark e soci, anche se adesso è preponderante la volontà del leader [cui certo non si può rimproverare la scarsità di progetti personali e collaborazioni] di lavorare su coordinate più autonome, a partire dal nuovo assetto dei Vandermark 5. Questo è stato il "viaggio" attraverso i "classici" del free [delizioso ossimoro], partito nei primi due volumi con una ricognizione a 360° del jazz creativo degli anni '60 e '70 - da Shepp a Braxton - e approdato poi a questi due progetti monografici, sperimentati anch'essi dal vivo [personalmente ricordo uno splendido concerto padovano interamente dedicato a Kirk] e in cui il fuoco si stringe su due figure particolarmente significative, anche se apparentemente meno "canoniche" dei santoni dell'avanguardia presenti nei primi due dischi.

Sonny Rollins è il principale idolo giovanile di Vandermark: nell'affrontarne il repertorio il quintetto si tuffa negli anni Impulse!, quelli di Alfie e soprattutto di East Broadway Rundown, ne ravvivano le forti istanze libertarie con "The Bridge" e la seconda parte di quella Freedom Suite che negli ultimi anni ha avuto anche la incendiaria rilettura da parte di David S. Ware. È qui che Vandermark e soci illuminano i lati meno ovvi e più diretti della musica di Rollins, riconducendola a quella visione collettiva che troppo è mancata al colosso del sassofono.

Ricchissimo di spunti è anche il repertorio di Rahsaan Roland Kirk, istrionico e strutturalmente stimolante, viscerale e dettagliato: c'è una versione sensuale di "The Inflated Tear", ci sono le ghirlande concatenate in suite di temi da We Free Kings e da Rip, Rig And Panic, c'è un respiro collettivo che lascia comunque ampio spazio ai solisti, specialmente a uno Jeb Bishop la cui statura di trombonista trova qui una conferma tutt'altro che necessaria, ma tanto più gradita in quanto giunge a suggellare il suo periodo all'interno del quintetto.

Track Listing

Cd 1 - Six For Rollins 01. The Bridge - 5:42; 02. Strode Rode - 6:59; 03. Freedom Suite Pt. 2 - 6:40; 04. John S. - 11:28; 05. East Brodway Rundown - 9:25; 06. Alfie Suite - 10:08 Cd 2 - Free Kings - The Music of Roland Kirk 01. The Black And Crazy Blues (Blue Rol) - 8:18; 02. The Free Kings Suite - 10:37; 03. The Inflated Tear - 6:55; 04. Rip, Rig And Panic Suite - 13:42; 05. Silverization/Volunteered Slavery - 11:12

Personnel

Ken Vandermark
saxophone

Ken Vandermark (clarinetti, sax tenore e baritono); Dave Rempis (sax contralto e tenore); Jeb Bishop (trombone); Kent Kessler (contrabbasso); Tim Daisy (batteria)

Album information

Title: Free Jazz Classics Vols. 3 & 4 | Year Released: 2006 | Record Label: Atavistic Worldwide


< Previous
House on Hill

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Strictly Smokin' & Friends
Strictly Smokin' Big Band
Remembrance
Chick Corea and Bela Fleck
Axes
Andrea Grossi Blend 3 + Jim Black
Art Of Art
Art Pepper

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.