Home » Articoli » Album Review » Yves Rousseau Septet: Fragments

Yves Rousseau Septet: Fragments

By

Sign in to view read count
Yves Rousseau Septet: Fragments
Yves Rousseau, contrabbassista e compositore francese, è uno dei quei personaggi talmente poliedrici ed eclettici che è davvero difficile circoscrivere all'interno di un genere o uno stile. Classe 1961, vanta una carriera densa di lavori e, soprattutto, di incontri che lo hanno portato sulla retta via di un jazz contemporaneo, melodico, ibrido e sempre ricco di punti di partenza.

Nel 1984, ancora alle prime armi, incontra Jean-Francois Jenny-Clark che gli insegna il suo metodo di apprendimento e nel 1990 è la volta di Albert Mangelsdorff con il quale co-dirige l'Ensemble Franco—tedesco di jazz dal 1990 al 1993. Simultaneamente moltiplica i suoi interessi e le sue esperienze, svariando tra musica da camera e sinfonica con incursioni in quella barocca, contemporanea, elettroacustica per poi consacrarsi definitivamente al jazz.

Negli anni Novanta si interessa anche all'universo del cantante, compositore e pianista Leo Ferré che "rilegge" con un quartetto con le cantanti Jeanne Added e Claudia Solal. Da quell'esperienza, Rousseau inanella una serie di progetti che lo vedono, ad esempio, elaborare in chiave jazz estratti di composizioni di Franz Schubert (2012) o scrivere un repertorio per coro e sassofoni con la messa in musica dei sonetti della poetessa Louise Labbé (2016).

Tra le sue ultime "imprese," il quintetto Murmures con composizioni che ruotano intorno i testi poetici di Francois Cheng e il duo Continuum con il sassofonista e amico di lunga data Jean-Marc Larché. E arriviamo ai giorni nostri con Rousseau a capo di un nuovo ensemble, questa volta un settetto composto da una sezione fiati—sax alto, clarinetto basso, trombone—, contrabbasso, batteria, chitarra elettrica e piano elettrico e moog. Una strumentazione perfetta per ispirarsi alle musiche dei gruppi rock che il compositore ascoltava quand'era liceale, anni 1976 -1979, e che hanno contribuito alla sua formazione musicale come King Crimson, Soft Machine, Pink Floyd e Genesis. Fortunatamente, Rousseau si guarda bene dallo scimmiottare i temi o gli stili di questi gruppi famosi (nelle otto composizioni originali, alcune concepite come mini suite, che compongono Fragments vi sono solo due brevi citazioni, una di David Crosby e l'altra di Robert Fripp). Il progressive più che "quotato" è, dunque, solo evocato da trame che si muovono sinuose in territori più vicini a una certo jazz da camera di origine nordeuropea. Anche se non mancano refrain rock e improvvise accelerazioni che possono ricordare in alcuni passaggi i Soft Machine di Third, come in "Reminiscence Part. II." Ma il clima resta quello di un jazz contemporaneo e visionario caratterizzato a volte da spesse tessiture chitarristiche, altre dal sound inconfondibile del Fender Rhodes o da scure ombre di suono generate dall'elettronica che gioca con i groove circolari di una pulsante sezione ritmica (mai invadente però).

Davvero intrigante il lavoro dei fiati che s'intrecciano, s'intersecano e si sovrappongono di continuo per dare vita a improvvise oasi melodiche. Per gli appassionati del Re Cremisi, c'è un brano che da solo vale l'acquisto dell'album. L'esecuzione in solo da parte di Rousseau al contrabbasso di "In the Court of the Crimson King" in "Winding Pathway Part III" .

Track Listing

Reminiscence (Part I, Part II); Personal Computer; Abyssal Ecosystem; Darkness Desire (Part I, Part II); Crying Shame; Oat Beggars; Winding Pathway (Part I, II, III, IV), Efficient Nostalgia (Part I, Part II).

Personnel

Yves Rousseau
bass, acoustic
Geraldine Laurent
saxophone, alto
Thomas Savy
clarinet, bass
Csaba Palotaï
guitar, electric
Etienne Manchon
keyboards

Album information

Title: Fragments | Year Released: 2020 | Record Label: Yolk Records


Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Nimble Digits
Geoff Stradling
The Death Of Kalypso
Angles + Elle-Kari With Strings
Soundlift Berlin-New York
Stephen Gauci / Joe Hertenstein / Alexander von...

Popular

The Seagull's Serenade
Dominik Schürmann
Heartland Radio
Remy Le Boeuf’s Assembly of Shadows

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.