All About Jazz needs your help and we have a deal. Contribute $20 (or more) and we'll hide those six pesky Google ads that appear on every page for a full year! You'll also fund website expansion.


I want to help

2

Ben Sidran: Don't Cry for No Hipster

Luca Muchetti By
Published:
Sign in to view read count
Ben Sidran: Don't Cry for No Hipster 'Stile' è il primo sostantivo che viene facile utilizzare per descrivere la musica di Ben Sidran. Nome notissimo nella scena americana, cantante, pianista, compositore e fine conoscitore della musica in toto (evitiamo di utilizzare l'etichetta 'jazz' memori anche del non troppo lontano album in tributo a Bob Dylan), con Don't Cry for no Hipster Sidran torna alle atmosfere fumose a lui più care: quattordici canzoni, tante, trovano spazio in un'opera che guarda alla tradizione, intimismi da jazz club e puntate swing venate d'ironia.

Sicuramente consapevole della propria posizione—quella di Sidran è musica del tutto 'conservatrice' dal punto di vista formale e sostanziale—il musicista di Chicago si mantiene su un crinale che al jazz più orecchiabile somministra dosi di ballad oscure ("It Don't Get No Better" sarebbe piaciuta a un Nick Cave con trascorsi meno tumultuosi e privato di elettricità), languide passeggiate pianistiche ("Dying Anyway"), strizzate d'occhio al pop ("Rich Interior Life"), shuffle d'annata ("Hooglin'") e persino del vecchio spoken ("Brand New Music").

Il titolo ci porta forse in medias res, con uno sbeleffo alle mode trendy popolari fra gli hipster di città. Ripercorrendo nelle note di copertina la genesi di un termine—'hipster' appunto—che nella cultura americana pop ha goduto di una certa fortuna (torniamo addirittura agli anni del proibizionismo), Sidran ci ricorda non senza robuste dosi di ironia il personale credo stilistico: «Brand new music/Same old song», come canta dopo poco più di 4 minuti dall'inizio dell'album. E noi cantiamo con lui.


Track Listing: Back Nine; Brand New Music; Don't Cry for No Hipster; At Least We Got to the Race; Can We Talk; In the Beginning; It Don't Get No Better; Dying Anyway; Private Guy; Reflections; Take a Little Hit; Sixteen Tons; Rich Interior Life; Hooglin'.

Personnel: Ben Sidran (wurlitzer, piano, Hammond, organ, voce), Will Bernard (chitarra), Leo Sidran (batteria), Moses Patron (percussioni), Tim Luntzel (basso), Orlando Le Fleming (basso), John Ellis (sassofono), Mark Shim (sassofono), Trixie Waterbed (cori).

Year Released: 2014 | Record Label: Nardis | Style: Beyond Jazz


Related Video

Shop For Jazz

Catching Up With
CD/LP/Track Review
Extended Analysis
Read more articles
Don't Cry for No Hipster
Don't Cry for No...
Nardis
2014
buy
Blue Camus
Blue Camus
Self Produced
2014
buy
[no cover]
The Essential Groove...
Vertigo
2009
buy
[no cover]
The Concert For...
Vertigo
1998
buy
[no cover]
On The Cool Side
Vertigo
1996
buy
[no cover]
On The Cool Side...
Vertigo
1996
buy
Miles Davis Miles Davis
trumpet
Dianne Reeves Dianne Reeves
vocalist
Mark Murphy Mark Murphy
vocalist
Michael Franks Michael Franks
vocalist
Grant Green Grant Green
guitar
Hiram Bullock Hiram Bullock
guitar, electric
Benny Carter Benny Carter
sax, alto
Lou Donaldson Lou Donaldson
saxophone
George Duke George Duke
piano

Post a comment

comments powered by Disqus

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.