The Second Approach Trio: Beeswing

AAJ Italy Staff BY

Sign in to view read count
The Second Approach Trio: Beeswing
All'interno di un catalogo eterogeneo non sempre dello stesso livello qualitativo, uno dei pregi incontestabili della Leo Records è quello di fornirci una documentazione sugli esponenti di ieri e di oggi della più vitale improvvisazione russa. Del trio The Second Approach era già stato edito nel 2011 il pregevole Pandora's Pitcher, contenente registrazioni effettuate dal 2007 al 2011 in uno studio di Mosca; ora viene pubblicato questo Beeswing, che seleziona registrazioni raccolte dal vivo in Russia, Moldavia e Ucraina dal 1999 al 2007.

Per molti aspetti balza evidente l'analogia fra la musica di questo trio e quella del più famoso Moscow Art Trio di Misha Alperin. Innanzi tutto entrambe partono dalla medesima matrice culturale, che desume una plastica qualità melodico-ritmica dalla tradizione popolare: tutte le composizioni di Beeswing sono del leader del Trio, Andrei Razin, ma "Dore Lume" prende le mosse da un canto tradizionale zigano, mentre "Bagatella n. 4" rielabora l'omonima composizione di Bartok. In secondo luogo, è simile il loro approccio all'interplay e all'improvvisazione, che dimostra non solo l'evidente affiatamento fra i membri, ma anche un organico transitare dall'anima colta a quella popolaresca, dal tema agli sviluppi improvvisativi, dalla meditazione preparatoria all'esposizione più sensuale, quasi orgiastica.

Anche dal punto di vista delle tecniche strumentali dei singoli si potrebbero scorgere somiglianze fra le due formazioni: il tocco sgranato ed elegante, a tratti anche impetuoso, di Razin palesa una derivazione classica come quello di Alperin; l'uso della voce della Komova, coniugato alle percussioni azionate da molti membri del gruppo, ricorda il ruolo che ha Sergey Starostin nel Moscow Art Trio...

In questo CD inoltre compaiono ospiti (in particolare Arkady Shilkloper in "Bagatella n. 4" con il suo corno inconfondibile, oltre ai percussionisti Vano Avaliani e Vlad Okunev) che conferiscono colori attinenti appunto alle atmosfere del trio moscovita di Alperin.

Ovviamente le differenze con quella formazione - che non so fino a che punto sia da considerare un modello esplicito anziché un percorso parallelo - non mancano ed emergono evidenti: in primo luogo la presenza del contrabbasso di Igor Ivanushkin, che costituisce un ancoraggio unificante in sottofondo, e della voce femminile della Komova, più sperimentale di quella di Starostin. Ma, soprattutto, è l'atmosfera generale che differisce da quella del Moscow: sarà anche per il fatto che si tratta di registrazioni dal vivo in un così ampio arco di anni, ma ne risulta una musica meno "nobile" ed elegante, forse meno equilibrata, però più ruspante, sempre molto reattiva e motivata, compromessa con lo spirito di una cultura materiale in modo più artigianale e concreto. In definitiva, in questo suo terzo CD per la Leo la formazione conferma il suo grande spessore espressivo e le sue sorprendenti qualità comunicative.

Track Listing

1. Dore Lume; 2. Dance; 3. Intro in the Middle; 4. Bagatella n. 4; 5. Tarantella.

Personnel

Andrei Razin (piano, voce, percussioni); Tatiana Komova (Voce, kalimba, percussioni); Igor Ivanushkin (contrabbasso, chitarra basso, percussioni). Ospiti: Mike Ellis (sax); Arkady Shilkloper (corno francese); Vano Avaliani, Vlad Okunev (percussioni).

Album information

Title: Beeswing | Year Released: 2012 | Record Label: Leo Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Wandersphere
Stephan Crump
This Land
Theo Bleckmann & The Westerlies
Trust Me
Gerry Eastman Trio
Pittsburgh
Matthew Stevens
Wandersphere
Borderlands Trio: Stephan Crump / Kris Davis /...
Kinds of Love
Renee Rosnes

Popular

Absence
Terence Blanchard featuring The E-Collective
The Garden
Rachel Eckroth
Time Frames
Michael Waldrop

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.