All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Nicole Mitchell, Tomeka Reid, Mike Reed: Artifacts

Vic Albani By

Sign in to view read count
I figli crescono.

Terza generazione della mai troppo celebrata AACM chicagoana, Nicole Mitchell, Tomeka Reid e Mike Reed danno alle stampe un interessantissimo CD che è già stato votato da molte testate specializzate quale uno dei migliori, se non il migliore disco di jazz dello scorso anno.

Artifacts è innanzitutto uno splendido tributo alle filosofie della AACM, per certi versi irripetibile avventura della migliore declinazione del vocabolo "creatività" nella storia della musica afro-americana tout-court che proprio lo scorso anno ha festeggiato il suo importante cinquantesimo compleanno. Mantenendo intatta la propensione creativa dei brani originali, il trio riporta alla luce e rinfresca alcune composizioni rese celebri da nomi come Anthony Braxton ("Composition 23B," originariamente su Quartet -Live at Moers Festival pubblicato nel 1974), Roscoe Mitchell ("Jo Jar," apparsa su Sound nel 1966, da molti ritenuto il primo manifesto registrato su disco dell'associazione chicagoana), Fred Anderson e Jeff Parker ("Bernice / Days Fly by with Ruby," dedicata alla moglie da Anderson poiché musa ispiratrice e movimentatrice -insieme al marito -del "sacro" Velvet Lounge, vale a dire il locale "must" della downtown della windy city a un passo dalla China Town, dove molti musicisti del movimento risiedevano), Leroy Jenkins (The Clowns, perla del violinista apparsa su Space Minds, New Worlds, Survival of America nel 1978), Amina Claudine Meyers ("Have Mercy on Us" incisa dalla pianista sull'album Song for Mother E del 1980), gli Air di Henry Threadgill, Fred Hopkins e Steve McCall ("B.K." e "I'll be Right Here Waiting"), Muhal Richard Abrams ("Munkt Munkt" originariamente inciso su Colors in Thirty-Third -per la Black Saint di Giovanni Bonandrini e Giacomo Pellicciotti nel 1987) e Ed Wilkerson ("Light on the Path" del talentuoso arrangiatore che la incise con i suoi 8 Bold Souls).

Un disco, quindi, che raccoglie decenni di storia di musica davvero seminale ma che -con intelligenza -toglie la polvere degli anni, rinvigorendo dinamiche e respiri dei solchi originali filtrando il tutto attraverso le lenti personali e contemporanee del trio di protagonisti. A parte la tecnica, un disco che ha profondi valori sperimentali e che non concede nemmeno un briciolo alle ovvie nostalgie archeologiche. Una sorta di nuovo "dream team" che raccoglie gemme e le incastona nel presente facendo semmai balenare al cervello l'incredibile forza creativa e magnetica di quella straordinaria e rivoluzionaria esperienza musicale.

Semplicemente squisito, affascinante e ricco di estetica e di tanta, tanta e tanta espressività.

Track Listing: Composition 23B; Jo Jar; Bernice / Days Fly By with Ruby; Clowns; Have Mercy on Us; BK; I'll Be Right Here Waiting; Munkt Munk; Light on the Path.

Personnel: Nicole Mitchell: flauti, elettronica; Tomeka Reid: violoncello; Mike Reed: batteria.

Title: Artifacts | Year Released: 2016 | Record Label: 482 Music

About Nicole Mitchell
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Watch

Jazz Near Chicago
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read A Throw Of Dice
A Throw Of Dice
By Dan McClenaghan
Read Roma
Roma
By Mike Jurkovic
Read e-motion
e-motion
By Nicholas F. Mondello
Read The Real Blue
The Real Blue
By Jack Bowers
Read City Abstract
City Abstract
By Dan Bilawsky
Read Spectrum
Spectrum
By Mike Jurkovic
Read Munich 2016
Munich 2016
By Karl Ackermann
Read Sounds of 3 Edition 2
Sounds of 3 Edition 2
By Geno Thackara