Home » Articoli » Album Review » Tyshawn Sorey: Alloy

1

Tyshawn Sorey: Alloy

By

View read count
Tyshawn Sorey: Alloy
Certi dischi ci impiegano un po' ad arrivare. Hanno bisogno di una certa distanza, di tempo per sedimentare in fondo alle orecchie. Giorni, settimane, a volte mesi. Guai ad avere fretta: bisogna saperli aspettare con infinita pazienza, coccolarli e convincerli dolcemente a parlare.

Impresa che di fronte all'ostinato silenzio del timido Alloy, quarta uscita in proprio del fenomenale Tyshawn Sorey, la seconda griffata Pi Recordings, mi è costata parecchia fatica. Questione di feeling e di attese più che di riottosità e complicanze. Reduce da un paio di esperienze interlocutorie (il precedente Oblique-I, in particolare, mi aveva lasciato piuttosto freddino), ammetto che sono partito con il piede sbagliato. Una secchiata di raggelanti dissonanze e ho dato per archiviata la pratica. «Ci risiamo -ho sospirato deluso-. Ma che diavolo di problemi ha il batterista di Steve Lehman?»: CD nella custodia e avanti il prossimo. Io e il Sorey compositore proprio non ci pigliamo.

Ammetto la colpa e pago pegno. Alloy è un gran disco. E l'omino che sta dentro ogni critico me l'aveva suggerito fin da quel primo disastroso approccio. Ha iniziato a darmi il tormento, a pungolarmi: «Sei tu il problema, non Sorey». Aveva ragione. Ci ho rimesso testa e orecchie, siamo ripartiti da capo e a un certo punto ci siamo trovati.

Galeotti i dolci sussurri della romantica "Movement," con il pianoforte imbronciato di Cory Smythe (da Braxton alla Deutsche Grammophon senza battere ciglio) che dopo un paio di minuti alla Paul Bley incontra le spazzole raffinatissime di Tyshawn e il contrabbasso legnoso di Christopher Tordini. Un malinconico abisso. Dal quale si risale con la trascinante "Template," unico brano in cui Sorey picchia alla sua maniera. Cuore e vertice del programma è però la mezz'ora abbondante di "A Love Song." Singole note e cluster gocciolano dal pianoforte in un mare di vibrante silenzio (Debussy? Morton Feldman?), con batteria e contrabbasso che solo dopo i venti si permettono di alzare educatamente la voce e persino di accennare un beat. Ci è voluto quel che ci è voluto, ma alla fine Alloy è arrivato.

Track Listing

Returns; Movement; Template; A Love Song.

Personnel

Tyshawn Sorey: drums; Cory Smythe: piano; Christopher Tordini: bass.

Album information

Title: Alloy | Year Released: 2015 | Record Label: Pi Recordings


< Previous
Swinging In Paris

Comments

Tags

Concerts


Support All About Jazz

Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

How You Can Help

To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Near

More

Sax QT (Lorraine) 2022
Anthony Braxton Saxophone Quartet
Iladi
Linda Sikhakhane

Popular

Alliance
Alliance
Harken!
Threeway with special guest John Etheridge

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.