All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

0

Alessandro Galati Sextet - The Wheeler Variations

Alessandro Galati Sextet - The Wheeler Variations
Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Corte delle Sculture
Prato
17.08.15

Firmato dal pianista Alessandro Galati, che ce ne parlava già in un'intervista di qualche tempo fa, The Wheeler Variations nasce poco dopo la scomparsa del grande trombettista canadese Kenny Wheeler, come memoria e omaggio ad opera di musicisti che lo avevano conosciuto e apprezzato lavorandovi a fianco: oltre a Galati, i sassofonisti Stan Sulzmann, che fece a lungo parte del suo sestetto, e Stefano "Cocco" Cantini, il contrabbassista Ares Tavolazzi e il batterista Enzo Zirilli. A completare la formazione la giovane vocalist Simona Severini. Il progetto, tuttavia, di Wheeler non riprende la musica, tutta della penna del pianista fiorentino, quanto piuttosto l'ispirazione.

Il lavoro è andato in scena quasi in anteprima nel corso di Prato Estate e si struttura come una suite su quattro quadri—intitolati ciascuno con una frazione del nome e cognome del trombettista -separati però da "intervalli" nei quali i membri della formazione si esprimono in duo o in solitudine, dando vita a situazioni diverse, più libere e individualizzate rispetto a quelle della suite, scritta e coesa ancorché tesa a valorizzare le qualità dei singoli.

Il primo quadro, "Ken," si è aperto con una narrazione cantata da Simona Severini, scandita dagli assolo dei sax e del piano. Vi spiccavano le differenze interpretative di Cantini, più melodico e agile, e Sulzmann, viceversa più scabro e aggressivo. Un duetto dei fiati, vero pirotecnico pezzo di bravura, fungeva poi da introduzione a un intervallo ballad style, condotto in trio piano-basso-batteria, nel quale emergeva prepotentemente Ares Tavolazzi.

Il secondo quadro della suite, "Ny," era di nuovo introdotto dalla voce, poi sviluppato dal tenore di Sulzmann, quindi "tagliato" da un ritornello corale nel quale ance e voce procedevano all'unisono, infine coronato da un solo del soprano di Cantini, prima dinamico e poi evocativo.

Un assolo della batteria di Zirilli e una deliziosa improvvisazione tra tenore e voce precedevano il terzo quadro, "Wheel," come gli altri introdotto dalla voce: fondamentalmente lirico, meditativo e scuro, prendeva però tensione con l'assolo del soprano e la conservava con quella del piano, fino alla risoluzione con reingresso corale delle ance e della voce.

Il terzo intervallo era un'improvvisazione tra piano, voce e soprano, evocativa e frammentata, ma pervasa di malinconico lirismo.

All'altezza delle attese dettate dai primi quadri la conclusione della suite, "Er," che riprendeva la struttura delle parti precedenti allargando gli spazi a disposizione dei singoli e terminando in un doppio finale, con piano e batteria che duettavano in una sorta di pacata conclusione, poi con la ripresa del tema da parte di voce e ance, in un finale più catartico.

Il concerto -che si è poi concluso con un bis dal songbook di Wheeler, "Everybody's Song but My Own" -ha riscossto giustamente un forte apprezzamento da parte del pubblico: suggestive, ma soprattutto di grande spessore strutturale le musiche; ben architettati i suoni, con le due ance complementari anche per le differenze interpretative e la voce, inattesa, a svolgere un ruolo atipico e originale; intelligentemente scandita l'esecuzione, con i sipari tra le parti che, interrompendone il procedere narrativo, ne evidenziavano la complessità esaltando al contempo il ruolo dei solisti. Poco da dire sui musicisti, tutti di ben nota levatura, se non per la giovane cantante, già apprezzata per la versatilità ma che ha davvero stupito per qualità vocali e interpretative, in un ruolo come detto assai particolare, un canto tra jazz e classica difficile da etichettare ma certo anche da interpretare in modo plausibile, cosa invece a lei riuscita benissimo.

Il progetto è già stato registrato e dovrebbe presto uscire su CD come allegato alla rivista Musica Jazz.

Tags

comments powered by Disqus

CD/LP/Track Review
Live Reviews
Interviews
CD/LP/Track Review
Read more articles
Wheeler Variations

Wheeler Variations

Something Cool
2017

buy
Cold Sand

Cold Sand

atelier sawano
2017

buy
On A Sunny Day

On A Sunny Day

Via Veneto Jazz
2016

buy
Seals

Seals

Via Veneto Jazz
2015

buy
 

G Plays G

Jazz Fusion Producciones
2010

buy

Related Articles

Read Hong Kong International Jazz Festival 2018 Live Reviews
Hong Kong International Jazz Festival 2018
by Rob Garratt
Published: October 18, 2018
Read Bobby Zankel's Warriors Play Muhal Richard Abrams at October Revolution Live Reviews
Bobby Zankel's Warriors Play Muhal Richard Abrams at...
by Victor L. Schermer
Published: October 16, 2018
Read Dave Burrell Full-Blown Trio at October Revolution Festival Live Reviews
Dave Burrell Full-Blown Trio at October Revolution Festival
by Victor L. Schermer
Published: October 14, 2018
Read Not Two...But Twenty! Festival Live Reviews
Not Two...But Twenty! Festival
by John Sharpe
Published: October 13, 2018
Read The Music Of Alice Coltrane Turiyasangitananda at Fringearts Live Reviews
The Music Of Alice Coltrane Turiyasangitananda at Fringearts
by Victor L. Schermer
Published: October 13, 2018
Read Paul Simon at Flushing Meadows Corona Park Live Reviews
Paul Simon at Flushing Meadows Corona Park
by Mike Perciaccante
Published: October 13, 2018
Read "Hong Kong International Jazz Festival 2018" Live Reviews Hong Kong International Jazz Festival 2018
by Rob Garratt
Published: October 18, 2018
Read "Funchal Jazz Festival 2018" Live Reviews Funchal Jazz Festival 2018
by Ian Patterson
Published: July 26, 2018
Read "Molde International Jazz Festival 2018" Live Reviews Molde International Jazz Festival 2018
by Luca Vitali
Published: August 31, 2018
Read "Bob DeVos Quartet At Trumpets Jazz Club" Live Reviews Bob DeVos Quartet At Trumpets Jazz Club
by David A. Orthmann
Published: February 8, 2018