Home » Articoli » Marco Colonna, Augusti Fernandez, Zlatko Kaučič: Agrakal

Album Review

Marco Colonna, Augusti Fernandez, Zlatko Kaučič: Agrakal

By

Sign in to view read count
Marco Colonna, Augusti Fernandez, Zlatko Kaučič: Agrakal
Tre grandi improvvisatori europei che avevano già suonato assiem in duo si ritrovano qui tutti assieme, rigorosamente dal vivo, per dar vita a un'ora di musica di grande intensità. Si tratta del pianista catalano Augusti Fernandez, uno dei maestri dell'improvvisazione in Spagna, del batterista e percussionista sloveno Zlatko Kaucic, che all'improvvisazione dedica da anni perfino un festiva—il (Brda Contemporary Music Festival—e del clarinettista e sassofonista romano Marco Colonna, il più giovane dei tre.

L'occasione era offerta da Novara Jazz, che ha invitato la formazione nel dicembre del 2017, sfidando la diffidenza delle rassegne a inserire nel programma musica indocile qual'è quella interamente improvvisata. Una sfida vinta, a giudicare dagli esiti artistici ascoltabili su questo CD, prodotto dalla non meno coraggiosa etichetta polacca Not Two, che ci sta abituando a uscite originali fino all'ardimento.

Il lavoro si divide in sei brani, che esplorano varie situazioni ritmiche e dinamiche, mantenendo comunque sempre alta l'intensità espressiva e, di conseguenza, emotiva. L'iniziale ”Waves of Perception” ha subito momenti di fortissima intensità, specie quando Colonna, qui impegnato al clarinetto, si produce in una lunga prolusione ascendente, che lo porta fino alle note più alte dello strumento con dinamica altrettanto elevata, mentre i due compagni lo sostengono con ritmi tambureggianti. Ma nel corso dei ventidue minuti del brano c'è spazio per molte variazioni e per l'intervento più esplicito della batteria e, soprattutto, del pianoforte.

Scoppiettante e ritmici i successivi due brani, con Colonna al baritono e Fernandez che lavora sulle corde, mentre Kaučič inventa suoni anche con l'ausilio dell'elettronica. Entusiasmante il breve ”From the Ground to the Sky”, che inizia con un lavoro percussivo del piano e prosegue con un progressivo emergere e addensarsi di rumori, con le ance che simulano gemiti e voci umane, mentre ”Texture of Nowhere” si apre—unico caso—con una narrazione libera ma lirica del baritono, che sollecita anche il pianoforte a seguire percorsi sospesi e cristallini, ma che poi si inerpica su una china, per un'ascesa quasi catartica. Tale che il brano finale è un breve e intimo commiato, interpretato da un clarinetto che pare un flauto, su lievi rumori di fondo.

Disco ricco e denso, bellissimo, di una formazione che dovrebbe trovar posto in ogni festival e in ogni rassegna.

Track Listing

Waves of Perceptions; Drops; Cellular; From the Ground to the Sky; Texture of Nowhere; Coming Back.

Personnel

Marco Colonna: clarinet, baritone saxophone; Augusti Fernandez: piano; Zlatko Kaucic: drums, percussions.

Album information

Title: Agrakal | Year Released: 2018 | Record Label: Not Two Records


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Bog Bodies
Bog Bodies
Let Go
Sam Taylor
Juba Lee
Avram Fefer Quartet
Twelve
Noam Lemish

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.