1

Zach Brock, Matt Ulery, Jon Deitemyer: Wonderment

Neri Pollastri BY

Sign in to view read count
Zach Brock, Matt Ulery, Jon Deitemyer: Wonderment
Trio classico, ma con la particolarità di avere un violino come prima voce, questa formazione raccoglie tre musicisti che collaborano in varie forme da quindici anni e che operano in modo totalmente paritetico, a cominciare dalla titolarità dei dodici brani, composti quattro a testa.

Dei tre il violinista Zach Brock è probabilmente il più noto, in virtù del suo esser parte (ancorché in modo non continuativo) degli acclamati Snarky Puppy, ma il contrabbassista Matt Ulery e il batterista Jon Deitemyer non gli sono da meno e, come lui, hanno una formazione eclettica, avendo lavorato in campi e con artisti di più generi diversi. Un aspetto che si fa sentire, assai positivamente, in questo album che, sebbene schiettamente jazzistico, attraversa atmosfere anche molto diverse tra loro.

Nel farlo, tuttavia, il trio conserva alcuni tratti peculiari: il costante scambio delle redini della musica, che evidenzia un interplay invidiabile, frutto della lunga frequentazione; l'ampio spazio agli assoli e all'improvvisazione, pratiche nelle quali tutti e tre i protagonisti sfoggiano straordinaria brillantezza; una marcata rimicità, che il violino pare trarre da una generica tradizione folk, il contrabbasso da quella jazzistica e la batteria in parte da quella rock. Una miscela che, declinata diversamente di traccia in traccia, dona alla musica originalità e verve.

Emblematico, da questo punto di vista, "Cavendish," di Ulery, nel quale il violino descrive una lirica danza su un beat piuttosto duro della batteria, mentre il contrabbasso si interpone con cantabili assoli. Interessante il contrasto con il brano immediatamente precedente, "Cry Face" di Brock, che è invece assai più frammentato e presenta passaggi prossimi alla musica conteporanea—Ulery è in parte all'archetto e Deitemyer è impegnato in un lavoro più metronomico—e con il successivo "Pumpkin Patch," ancora di Ulery, nel quale Brock suona maggiormente nello stile classico del violino jazz. Quasi interamente di atmosfera folk, invece, "Happy Place," di Brock, che che conclude festosamente il lavoro.

Sono solo esempi di un disco tutto molto bello, ben realizzato e soprattutto suonato magnificamente da tre eccellenti musicisti.

Album della settimana.

Track Listing

Wonderment; Mobile; Levelled; Cheyanne; Nightshade; Wokey Dokey; Cry Face; Cavendish; Pumpkin Patch; Yge Beive; Above and Beyond; Happy Place.

Personnel

Zach Brock: violin; Matt Ulery: bass, acoustic; John Deitemyer: drums.

Album information

Title: Wonderment | Year Released: 2019 | Record Label: Woolgathering Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Wandersphere
Borderlands Trio: Stephan Crump / Kris Davis /...
Kinds of Love
Renee Rosnes
Lockdown 2020
The Biscodini Organ Trio
In Our Time
Victor Gould
Someday, Something
Rebecca DuMaine
Lumina
Pedro Melo Alves
Human Rites Trio
Jason Kao Hwang
Re-Union
Matthew Shipp / William Parker

Popular

Absence
Terence Blanchard featuring The E-Collective
The Garden
Rachel Eckroth
Time Frames
Michael Waldrop

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.