Home » Articoli » Darrell Katz and the JCA Orchestra: Why Do You Ride?

Album Review

Darrell Katz and the JCA Orchestra: Why Do You Ride?

By

Sign in to view read count
Darrell Katz and the JCA Orchestra: Why Do You Ride?
Con i suoi 30 anni di attività, la Jazz Composers Alliance Orchestra è un'istituzione della scena musicale di Boston e uno dei suoi fondatori, il compositore e arrangiatore Darrell Katz, ha legami con le due rinomate scuole musicali cittadine, il New England Conservatory e il Berklee College of Music. L'orchestra è composta da una ventina di membri residenti nell'area: tutti professionisti d'alto livello con esperienze di primo piano nell'avanguardia o nel mainstream.

La peculiarità stilistica della formazione, evidenziata nei precedenti nove album, è proprio quella di coniugare all'interno degli stessi brani, situazioni orchestrali tradizionali (ad ampio spettro: da Duke Ellington a Thad Jones, inglobando momenti soulful, latini eccetera) con quadri free, dove la libera improvvisazione è centrale.
Darrell Katz racconta nelle note di copertina la genesi di questo disco e ripeterla sarebbe lungo: in estrema sintesi la lunga composizione centrale, "Wheelworks," è stata influenzata dalle massime (alcune vere, altre presunte) di Albert Einstein che condivideva con l'autore la passione per la bicicletta (ciò spiega la foto in copertina). L'amore per il veicolo a due ruote impregna anche il brano d'apertura, "Why Do You Ride?," stavolta ispirato a una storia Zen.

Quali che siano i riferimenti extramusicali, sappiamo bene che la musica è un codice asemantico e stabilire quanto la musica rifletta quelle influenze è impossibile. Concentriamoci quindi sulla musica "in sé," sul suo valore espressivo, accantonando Einstein e i koan giapponesi.

Come s'è detto, la tavolozza orchestrale è sorprendentemente ricca (potremmo anche dire affollata) di colori. Il citato brano d'apertura presenta nell'ordine un libero e astratto dialogo improvvisato fra alcuni strumenti; un collettivo bandistico che sostiene la cantante evolvendo in una swingante orchestrazione mainstream con variopinti assoli; un'alternanza di quadri musicali seducenti e ritmicamente accesi spesso in call and response con la vocalist; un furibondo finale free.
I quadri sono ben amalgamenti e tutto si sviluppa con una bella tensione. Un po' meno coinvolgente risulta invece "Wheelworks," composizione in nove parti di circa 40 minuti. Inutile sottolineare che accade di tutto: i momenti di rilievo sono molti ma non riescono a nascondere un che di macchinoso ed eccessivo.

Il disco termina con una fantasiosa ed equilibrata versione di "Monk's Mood" eseguita dal JCA Sax Quartet: camerismo astratto e armonie ellingtoniane si legano nel nome di Thelonious Monk.

Track Listing

Why Do You Ride?; Wheelworks; SamiBadGal; Monk's Mood.

Personnel

Jazz Composers Alliance Orchestra:
Mike Peipman, Forbes Ghram, Gary Bohan: tromba; Bob Pilkington, David Harris: trombone; Jim Mosher: corno francese; Bill Lowe: tuba; Alan Chase, Jim Hobbs:sax contralto; Phil Scarff : sax tenore, soprano, clarinetto; Dan Zupan: sax baritone, cl. basso; Hiro Honshuke: flauto, EWI; Mina Cho: pianoforte; Norm Zocher: chitarra; Darrell Katz: chitarra nel brano 1; John Funkhauser: basso; Joe Doubleday: vibrafono; Luther Gray: batteria; Ryan Edwards: percussioni; Rebecca Shrimpton: voce.
JCA Sax Quartet:
Jeff Hudgins, Daniel Ian Smith: sax contralto; Phil Scarff: sax tenore; Dan Bosshardt: sax baritono.

Album information

Title: Why Do You Ride? | Year Released: 2015 | Record Label: Leo Records

Post a comment about this album


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Popular

Exude
Francesca Han & Ralph Alessi
Baker's Dozen
The Muffins
Blues & Bach: The Music Of John Lewis
Enrico Pieranunzi Trio & Orchestra
The Border
Douwe Eisenga

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.