All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Uri Caine al Teatro di Rifredi di Firenze

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Uri Caine
Firenze
It's Monk Time -Musica dei Popoli
Teatro di Rifredi
6.11.2017

Erano tre anni che Uri Caine mancava da Firenze e anche l'ultima volta si era trattato di un piano solo, formula che gli è particolarmente congeniale e grazie alla quale ci ha regalato molte performances entusiasmanti. Questa nuova occasione fiorentina era poi particolarmente interessante, perché dedicata a celebrare il centenario della nascita di Thelonious Monk, prima parte di un doppio appuntamento -It's Monk Time, nella cornice di Musica dei Popoli -che si completerà tra un mese con un analogo concerto in solo di Franco D'Andrea.

E, infatti, il pubblico non mancava al Teatro di Rifredi, location un po' trascurata dagli organizzatori fiorentini ma invece adattissima al tipo di concerto. Il pianista di Philadelphia, com'è uso fare, ha esordito senza preamboli: un blues classicissimo, in parte percussivo -in stile Monk -in parte invece su rapidissimi fraseggi stride -nel proprio stile -dal quale a più riprese emergeva il tema di "Blue Monk"; poi, dopo cinque minuti, cambio improvviso di atmosfera ed eccoci in una notturna e classicheggiante versione di "'Round Midnight," che si è ampliata fino a includere ora fraseggi di derivazione ebraica, ora rapidi tambureggiamenti sulla tastiera, in un continuo mutare di stilemi -qui, però, restando sempre sul tema.

Dopo una decina di minuti, nuovo cambio di scena, senza alcuna soluzione di continuità, e si entra in "I Mean You," ancora una volta estremamente cangiante e trattata con la medesima cifra stilistica plurale: molto blues, fraseggi rapidissimi, efficaci percussioni, rallentamenti, e via continuando. Stavolta però la rielaborazione glissa verso altre direzioni, includendo musica originale, accenni classici che abbandonano quasi affatto il blues, in un percorso molto libero che ricorda (come modalità e non come stile) certe performances dal vivo di Keith Jarrett. E, paradossalmente, si tratta della parte più alta del concerto, perché Caine ha modo non solo di inventare maggiormente, piuttosto che di variare e interpretare, ma anche di essere più se stesso, non più vincolato dalle composizioni monkiane. Fino al nuovo cambio senza interruzioni, verso la mezz'ora di concerto, per entrare in una "I Mean You," trattata di nuovo al medesimo modo, stavolta senza troppe divagazioni, che si conclude in una breve pausa, che offre al pianista l'opportunità di dichiarare tutta la sua ammirazione per Monk.

Nella seconda parte altri temi monkiani, tra i quali "Ask Me Now" ed "Evidence," che ancora una volta si dissolvono prima in temi ed esplorazioni originali, poi nei meandri delle rivisitazioni mozartiane, la cui prossimità con la musica di Monk in verità sfuggiva un po.' Dopo una conclusione roboante in blues, gli spettatori hanno richiamato per ben due volte il pianista in scena, ripagati da due bis che hanno appena sfiorato Monk con labili citazioni, per culminare nientemeno che nel "Rondò alla turca" del genio di Salisburgo, la cui rivisitazione libera è uno dei cavalli di battaglia di Caine e che -ultima perla di un concerto sicuramente brillante, inventivo e virtuosistico -è servita come commiato da un pubblico in estasi.

È restata tuttavia ad alcuni una perplessità di fondo: quella relativa a un repertorio complesso e assai particolare, qual è quello monkiano, trattato più in superficie che nei suoi tratti più caratteristici, per giunta con stilemi cangianti, certo, ma anche di volta in volta strutturalmente sempre uguali. Cosa che, alla lunga, ha dato l'impressione di una sorta di montagna russa dell'improvvisazione sui temi, divertentissima e magistrale, certo, tuttavia un po' "leggera" e ripetitiva. Ma Uri Caine è questo, nel bene e nel male: brillante ed entusiasmante, costantemente in equilibrio sul crinale del kitsch, fatalmente perciò non sempre capace di evitare di scivolare un po' giù, lungo il versante più insidioso.

Foto (di repertorio): Dublin Jazz Photography

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Live Reviews
The Ben Paterson Trio At The Jazz Corner
By Martin McFie
May 22, 2019
Live Reviews
Charlotte Jazz Festival 2019
By Mark Sullivan
May 16, 2019
Live Reviews
Nubya Garcia at Cathedral Quarter Arts Festival 2019
By Ian Patterson
May 16, 2019
Live Reviews
Electronic Explorations in Afro-Cuban and UK Jazz
By Chris May
May 15, 2019
Live Reviews
Charlotte Jazz Festival 2019
By Perry Tannenbaum
May 13, 2019