All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

2

Gábor Gadó Quartet with Dave Liebman: Ungrund

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Gábor Gadó Quartet with Dave Liebman: Ungrund
Il quartetto del chitarrista e compositore ungherese Gábor Gadó ha ormai lunga vita (è stato fondato nel 1995) cosicché, pur suonando musica originale e complessa, i suoi componenti hanno maturato una tale intesa che non è difficile per loro accogliere un ospite occasionale e farlo apparire come un membro stabile, a maggior ragione se quest'ospite ha la classe, l'esperienza e la caratura di Dave Liebman. Ed è infatti quanto accade in questo eccellente CD registrato dal vivo a Budapest il 14 gennaio del 2011 nell'unica occasione in cui il sassofonista statunitense ha suonato con il gruppo e pubblicato due anni dopo dall'ungherese BMC.

L'inizio è semplice e "in discesa": un brano dal titolo emblematico, "Friends Play," appositamente pensato per l'incontro e basato su una interazione libera e fortemente dinamica tra le ance, sostenuta da batteria e contrabbasso e cesellata dagli interventi della chitarra. Ma il seguito è subito più intrigante: un arrangiamento della nota composizione di Ravel "Pavane pour une enfante defunte," che assume ovviamente colori e atmosfere assai diversi dalla classica versione orchestrale: Liebman, che molte volte si è cimentato in non banali riletture della classica, è perfettamente a suo agio e arricchisce l'espressività del quartetto, che vede qui nelle sonorità della chitarra del leader un elemento chiave.

Ma è forse in "Spirale" ed "Eternal Recurrence" che l'incontro offre i suoi frutti più maturi. Non a caso, perché qui la musica assume forme che si confanno pienamente allo spirito di un inquieto esploratore qual è Liebman: nella prima, la struttura sinuosa esalta le sue doti espressive, così che il sassofonista, con la compartecipazione di Donarier e Gadó, crea un avviluppante incedere sonoro; nella seconda—introdotta da un lungo solo del contrabbasso di Boisseau—le parti dei quattro si scambiano e intrecciano continuamente in una ricerca prima lenta e intimistica, poi improvvisamente impetuosa, poi ancora su toni più riflessivi ma sempre altamente espressivi che offrono la scena in particolare all'inconfondibile soprano di Liebman e alla chitarra di Gadó.

In mezzo, l'unica traccia senza il sassofonista americano, "Sanctus," rarefatto e meditativo, che richiama la lenta, quasi malinconica conclusione di D.P., e "Weltraum," nella quale più che altrove si sente la eco degli studi bachiani di Gadó.

Buon lavoro, intenso, tradizionale ma non scontato, fortemente espressivo.

Track Listing

Gábor Gadó: chitarra; Dave Liebman: sax tenore e soprano; Matthieu Donarier: sax tenore; Sébastien Boisseau: contrabbasso; Joe Quitzke: batteria.

Personnel

Friends Play; Pavane pour une enfante defunte; Spirale; Sanctus; Weltraum; Eternal Recurrence; D.P.

Album information

Title: Ungrund | Year Released: 2014 | Record Label: BMC Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Read Improdimensions
Improdimensions
Agustí Fernández / Liudas Mockūnas
Read In Baltimore
In Baltimore
George Coleman
Read Escape The Flames
Escape The Flames
Binker and Moses

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.