2

Gábor Gadó Quartet with Dave Liebman: Ungrund

Neri Pollastri BY

Sign in to view read count
Gábor Gadó Quartet with Dave Liebman: Ungrund
Il quartetto del chitarrista e compositore ungherese Gábor Gadó ha ormai lunga vita (è stato fondato nel 1995) cosicché, pur suonando musica originale e complessa, i suoi componenti hanno maturato una tale intesa che non è difficile per loro accogliere un ospite occasionale e farlo apparire come un membro stabile, a maggior ragione se quest'ospite ha la classe, l'esperienza e la caratura di Dave Liebman. Ed è infatti quanto accade in questo eccellente CD registrato dal vivo a Budapest il 14 gennaio del 2011 nell'unica occasione in cui il sassofonista statunitense ha suonato con il gruppo e pubblicato due anni dopo dall'ungherese BMC.

L'inizio è semplice e "in discesa": un brano dal titolo emblematico, "Friends Play," appositamente pensato per l'incontro e basato su una interazione libera e fortemente dinamica tra le ance, sostenuta da batteria e contrabbasso e cesellata dagli interventi della chitarra. Ma il seguito è subito più intrigante: un arrangiamento della nota composizione di Ravel "Pavane pour une enfante defunte," che assume ovviamente colori e atmosfere assai diversi dalla classica versione orchestrale: Liebman, che molte volte si è cimentato in non banali riletture della classica, è perfettamente a suo agio e arricchisce l'espressività del quartetto, che vede qui nelle sonorità della chitarra del leader un elemento chiave.

Ma è forse in "Spirale" ed "Eternal Recurrence" che l'incontro offre i suoi frutti più maturi. Non a caso, perché qui la musica assume forme che si confanno pienamente allo spirito di un inquieto esploratore qual è Liebman: nella prima, la struttura sinuosa esalta le sue doti espressive, così che il sassofonista, con la compartecipazione di Donarier e Gadó, crea un avviluppante incedere sonoro; nella seconda—introdotta da un lungo solo del contrabbasso di Boisseau—le parti dei quattro si scambiano e intrecciano continuamente in una ricerca prima lenta e intimistica, poi improvvisamente impetuosa, poi ancora su toni più riflessivi ma sempre altamente espressivi che offrono la scena in particolare all'inconfondibile soprano di Liebman e alla chitarra di Gadó.

In mezzo, l'unica traccia senza il sassofonista americano, "Sanctus," rarefatto e meditativo, che richiama la lenta, quasi malinconica conclusione di D.P., e "Weltraum," nella quale più che altrove si sente la eco degli studi bachiani di Gadó.

Buon lavoro, intenso, tradizionale ma non scontato, fortemente espressivo.

Track Listing

Gábor Gadó: chitarra; Dave Liebman: sax tenore e soprano; Matthieu Donarier: sax tenore; Sébastien Boisseau: contrabbasso; Joe Quitzke: batteria.

Personnel

Friends Play; Pavane pour une enfante defunte; Spirale; Sanctus; Weltraum; Eternal Recurrence; D.P.

Album information

Title: Ungrund | Year Released: 2014 | Record Label: BMC Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

A New Dawn
Marius Neset
Graduation
Il Sogno
Live!
Chick Corea Akoustic Band with John Patitucci &...
Detail - 90
Frode Gjerstad / Kent Carter / John Stevens
Tri-Cycle
Alex Jenkins Trio
Chartreuse
Gaetano Letizia

Popular

Absence
Terence Blanchard featuring The E-Collective
The Garden
Rachel Eckroth
Uma Elmo
Jakob Bro
Time Frames
Michael Waldrop

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.