Home » Articoli » Tomas Fujiwara & The Hook Up: The Air Is Different

Album Review

Tomas Fujiwara & The Hook Up: The Air Is Different

By

Sign in to view read count
Tomas Fujiwara & The Hook Up: The Air Is Different
Brooklyn non è più solo un quartiere di New York; da qualche anno, jazzisticamente parlando, Brooklyn è un "suono". Si, è vero, le categorie valgono quel che valgono, e spesso servono solo per puntellare pensieri critici pericolanti. Ma persino i più distratti, all'alba del 2012, si saranno accorti che al di là dell'East River, di recente, c'è stato parecchio trambusto; e che un nutrito drappello di musicisti, una sorta di famiglia allargata, si riconosce ormai in un'estetica e in un "movimento" che è tra i più elettrizzanti del jazz dei giorni nostri.

All'interno di questa nebulosa composita e scomposta, eppure perfettamente coesa, Tomas Fujiwara occupa una posizione tutt'altro che marginale. Originario di Boston, svezzato da Alan Dawson (già maestro di Tony Williams e Gerry Hemingway), il suo nome è spesso associato a quello di Taylor Ho Bynum, al quale, tra le altre cose, presta pelli e tamburi per le scorribande del sextet (recuperate, caso mai vi fosse sfuggito, il recente Apparent Distance). Con il timido Actionspeak, due anni fa, mise al mondo il quintetto The Hook Up. Ora, con The Air Is Different, concede il bis, aggiustando la mira e alzando di un bel pezzo l'asticella.

I compagni di viaggio sono gli stessi del 2010 ad eccezione di Trevor Dunn, che prende il posto di Danton Boller. E come nel 2010 la presenza magnetica è quella di Mary Halvorson. Sono le sue inconfondibili sei corde, pure o distorte, e i suoi "elastici" con il pedale, a marchiare a fuoco il sound del quintetto. Ascoltare, per credere, l'iniziale "Lineage," che si apre con uno dei classici arpeggi sghembi alla Halvorson. Oppure la strepitosa "Double Lake, Defined," con quel micidiale attacco che rimanda, senza passare dal via, a "Sea Seizure", uno dei pezzi forti del repertorio dell'ex allieva di Braxton (e uno dei brani più belli che siano stati scritti negli ultimi anni).

Ovviamente non c'è solo la Halvorson. Brian Settles e Jonathan Finlayson ci mettono parecchio del loro: inquieto e sanguigno, alla maniera di un Malaby, il sax tenore del primo, limpida e squillante la tromba del secondo. Solido l'apporto di Trevor Dunn, la cui "parlata" al contrabbasso si va facendo sempre più rotonda e corposa. Impeccabile, infine, il drumming di Fujiwara: asciutto ed elegante, mai sopra le righe, attento che non vada sprecato nemmeno un colpo di rullante. È lui il motore e il faro del quintetto, ed è alla sua penna che va attribuito il merito di aver partorito la scaletta. Sei brani, sei fulgidi esempi di inventiva, concepiti con estremo rigore eppure splendidamente lievi nel loro destreggiarsi tra spigoli e scarti, accelerazioni e deragliamenti. Le fonti di ispirazione? I nonni paterni, la madre e il Giappone, Threadgill, Formanek, Björk, Fela Kuti, le diverse camminate della gente di New York, il rapper Talib Kweli. Tanti ingredienti, un solo "suono": quello di Brooklyn.

Track Listing

Lineage; Double Lake, Defined; For Ours; Cosmopolitan (Rediscovery); Smoke-Breathing Lights; Postcards.

Personnel

Tomas Fujiwara: drums; Jonathan Finlayson: trumpet; Brian Settles: tenor saxophone; Mary Halvorson: guitar; Trevor Dunn: bass.

Album information

Title: The Air Is Different | Year Released: 2012 | Record Label: 482 Music


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Blue Note Re:imagined II
Various Artists
Soul Food
Christopher Parker
The Way of the Groove
Ben Patterson

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.