Home » Articoli » Signal to Noise: Tag

Album Review

Signal to Noise: Tag

By

Sign in to view read count
Signal to Noise: Tag
Assenza quasi totale di note di copertina - per scoprire musicisti e relativi strumenti bisogna porre attenzione alla lucida superficie del CD - una foto iperrealista che unisce la prima e la quarta di copertina, all'interno una sorta di geroglifico che partendo dal termine tag si apre a raggiera secondo una logica apparentemente derivativa e associativa.

Si presenta così Tag, album di debutto dei Signal to Noise, quartetto poliglotta di improvvisatori capitanato dal sassofonista e clarinettista statunitense Joe Rosenberg, autore di tutte le composizioni. Quattro musicisti abituati ad operare nella galassia delle musiche di ricerca, che non accettano compromessi e condizionamenti di sorta, che si muovono con disinvoltura su qualsiasi terreno.

La musica di Tag spiazza continuamente perché è libera da canovacci, da tracce più o meno marcate, da legami consequenziali, da schemi preordinati. Si muove, piuttosto, nella zona franca abitata dal silenzio, dalle dissonanze, dalle invenzioni timbriche che si sviluppano quasi per osmosi, da riverberi e da ombre cinesi sonore, da lame acustiche che tagliano l'aria come una tela di Fontana.

Tag è disco complesso, a tratti eccessivamente imploso su se stesso, avvolto da un palpabile alone di intellettualismo, con sequenze di un certo interesse, ma nel quale i musicisti non riescono a convogliare la propria urgenza espressiva in un adeguato canale comunicativo.

Track Listing

01. That 11 Thing; 02. Three Farmers; 03. Tag; 04. Day One; 05. Dynamics; 06. Tag Too; 07. 7 From 11. Tutte le composizioni sono di Joe Rosenberg.

Personnel

Joe Rosenberg (sax soprano, clarinetto basso); Masako Hamamura (piano); Peter Scherr (basso); Edward Perraud (batteria).

Album information

Title: Tag | Year Released: 2009 | Record Label: Strick Muzik


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Twelve
Noam Lemish
Quietude
Eliane Elias
One More Please
Tim Berne & Matt Mitchell
Thoughts & Images
Alex Tremblay

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.