All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

1

Steve Coleman and the Council of Balance: Synovial Joints

Luca Canini By

Sign in to view read count
Dei suoni della foresta amazzonica e dei segreti della "camouflage orchestration," delle articolazioni sinoviali, dell'antico dio Heru e del metodo di composizione spontanea, lascerò che sia Steve Coleman a parlarvi. È tutto spiegato nelle note di copertina, con estrema chiarezza e dovizia di particolari; la migliore introduzione possibile alle meccaniche (più o meno celesti) che governano rotazioni e traslazioni in Synovial Joints, quarto disco affidato alle cure della benemerita Pi Recordings (che in scuderia ha pure Henry Threadgill e Steve Lehman, tanto per dire) e propizia occasione per rispolverare il vessillo "The Council of Balance," in naftalina dal lontanissimo '97 (ovvero dal monumentale doppio Genesis/The Opening of the Day).

A Coleman giustamente il compito di schiudervi le porte della comprensione, a chi scrive il piacere (ben più prosaico) di fornirvi un valido motivo per aggiungere Synovial Joints alla vostra collezione. O meglio ancora per avvicinarvi per la prima volta a uno dei pensatori più originali e influenti degli ultimi trent'anni in jazz. Nel caso in cui apparteniate alla categoria di quelli che già sanno e frequentano, vi basti sapere che siamo dalle parti del meglio del meglio: un passo in là rispetto alle austere meditazioni dell'accoppiata The Mancy of Sound-Harvesting Semblances & Affinities, un gradino sopra il pur meraviglioso Functional Arrhythmias. Se invece siete a digiuno totale, Synovial Joints è il disco giusto per il grande passo.

Non che ci siano dischi sbagliati dai quali partire, ma rispetto al recente passato qualcosa si è mosso in direzione di una maggiore cantabilità, di un rinnovato gusto per la fluidità e la narrazione. Intendiamoci: nessun tradimento, nessuna ritirata; bastano pochi secondi dell'iniziale "Acupuncture Openings" per gridare «Steve Coleman!». La scansione ritmica, il tema spezzato, l'intrecciarsi vorticoso delle linee melodiche, i contrappunti degli archi: sempre a fuoco, perfettamente riconoscibile. Eppure diverso, amichevole, a tratti persino accattivante.

Merito della rigogliosa orchestrazione, che rimanda all'Andrew Hill delle alchimie più ardite (Passing Ships, Lift Every Voice, le session con gli archi pubblicate dalla Mosaic) e all'Henry Threadgill del Sextett; ma anche di una scrittura ispirata e di un piglio danzereccio al quale è difficile resistere. Non aspettatevi esotismi d'accatto o aperture clamorose, ma l'incedere balzellante di "Harmattan," funky obliquo con delirio caraibico di percussioni, l'ancestrale "Celtic Cells," liturgia esoterica officiata dalla sacerdotessa Jen Shyu, e la genuina "Nomadic," nove e passa minuti di incastri travolgenti, raccontano di una piccola grande svolta che potrebbe preludere a futuri sviluppi. Uno dei migliori Steve Coleman di sempre. Vi pare poco?

Track Listing: Acupuncture Openings; Celtic Cells; Synovial Joints I - Hand and Wrist; Synovial Joints II - Hip and Shoulder; Synovial Joints III – Torso; Synovial Joints IV - Head and Neck; Tempest; Harmattan; Nomadic; Eye of Heru.

Personnel: Steve Coleman: saxophone, composer; Jonathan Finlayson: trumpet; Anthony Tidd: electric bass; Marcus Gilmore: drums; Miles Okazaki: guitar; Jen Shyu: vocals; David Bryant: piano; Tim Albright: trombone; Maria Grand: tenor saxophone; Barry Crawford: piccolo, flute; Rane Moore: clarinets; Jeff Missal: trumpet; David Nelson: bass trombone; Kristin Lee: violin; Chris Otto: viola; Jay Campbell: cello; Greg Chudzik: contrabass; Alex Lipowski: percussion; Ned Sacramento: percussion; Ramon Garcia Perez: percussion; Mauricio Hererra: percussion.

Title: Synovial Joints | Year Released: 2015 | Record Label: Pi Recordings

About Steve Coleman
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Watch

Jazz Near New York City
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read Cause and Effect
Cause and Effect
By Ian Patterson
Read Geschmacksarbeit
Geschmacksarbeit
By John Eyles
Read Emergence
Emergence
By Geannine Reid
Read Never More Here
Never More Here
By Dan McClenaghan
Read Lanzarote
Lanzarote
By Gareth Thompson
Read Strong Thing
Strong Thing
By Geannine Reid
Read Ocean in a Drop
Ocean in a Drop
By Geno Thackara