All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Noah Haidu, Buster Williams, Billy Hart: Slowly

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Noah Haidu, Buster Williams, Billy Hart: Slowly
Dopo il progetto multimediale dedicato a Kenny Kirkland (Doctone, Sunnyside 2020), Noah Haidu dedica un omaggio a Keith Jarrett, altro pianista che ha svolto un ruolo significativo nella sua formazione.

L'elemento scatenante in questa scelta è stato l'annuncio di quest'ultimo di non poter più suonare dopo i due ictus che l'hanno colpito nel 2020, lasciandogli la mano sinistra paralizzata. «Quando ho saputo di Keith—dice Haidu—sono stato profondamente commosso e ho iniziato a immaginare il progetto del disco con Billy e Buster come una sorta di risposta musicale a questi eventi e all'opera complessiva di Keith». I partner citati sono ovviamente il batterista Billy Hart e il bassista Buster Williams, una sezione ritmica magistrale e una delle poche in grado di rendere credibile il progetto.

Meno noto di quanto meriti, Noah Haidu è un pianista particolarmente ricercato, già allievo di Kenny Barron, che ha mostrato il suo valore già nell'esordio discografico con la Posi-Tone Records, realizzando Slipstream del 2011 e Momentum del 2013.

Ovviamente questo trio non imita l'ormai storico organico di Jarrett, Peacock e DeJohnette e l'unica vicinanza che notiamo è nel modo in cui affronta gli standards, esaltando l'intima essenza di ognuno, dando enfasi ai valori melodici. Esemplare in tal senso è l'esecuzione di "But Beautiful," che si snoda in un clima sospeso ed evanescente, aggiungendo preziosità timbriche e armoniche. Non a caso, forse per evitare troppa vicinanza con Jarrett, il brano è posto in conclusione dell'album, che contiene solo altri due standards, "What a Difference Day Makes" affrontato in modo dinamico e "Georgia on My Mind," ricco di suggestioni blues. Il resto del repertorio si basa su tre note composizioni di Williams ("Air Dancing") e Hart ("Duchess" e "Lorca") più il delicato valzer composto dalla prima moglie di Jarrett, Margot, "Rainbow" (che Haidu aveva già inserito nel suo album Momentum) e l'original di Haidu che dà il titolo all'album e che il pianista esegue in solo.

Noah si conferma un maestro nel gestire colori e volumi, aggiungendo profondità con sofisticate scelte armoniche, raffinato senso ritmico e tocco elegante. La presenza dei due grandi partner non poteva che accentuare la complessiva ricchezza musicale.

Track Listing

Air Dancing; Duchess; What a Difference a Day Makes; Rainbow / Keith Jarrett; Georgia; Slowly; Lorca; But Beautiful.

Personnel

Noah Haidu: piano; Buster Williams: bass; Billy Hart: drums.

Album information

Title: Slowly | Year Released: 2021 | Record Label: Sunnyside Records

Post a comment about this album

Listen

Tags

Shop Amazon

More

Afrika Love
Alchemy Sound Project
Sunday At De Ruimte
Marta Warelis / Frank Rosaly / Aaron Lumley /...
Westward Bound!
Harold Land
Tread Lightly
Trøen Arnesen Quartet
MMBC Terma
Michael Bisio / MMBC
Koki Solo
Natsuki Tamura
Colibri Rojo
Camilia Nebbia

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.