Szilárd Mezei: Singing Elephant

AAJ Italy Staff BY

Sign in to view read count
Szilárd Mezei: Singing Elephant
Serbo di nazionalità ma etnicamente ungherese, Szilárd Mezei è uno dei musicisti più originali emersi in Europa nell'ultimo decennio. Virtuoso di viola e compositore, Mezei ha elaborato una pregnante sintesi tra le forme dell'avanguardia afroamericana (dal free storico a Braxton), il folklore della Vojvodina e la musica classica (in particolare la lezione di Witold Lutoslawski e di György Szabados). Dopo il suo debutto internazionale grazie all'etichetta Leo (i dischi Draught e Cerkno) ha proseguito la sua carriera discografica grazie all'inglese Slam Records (Tönk, Tisza), la polacca Not Two (Bot, Mint amikor tavasz) e altre.

Dal 2008 ha iniziato a lavorare con alcuni giovani musicisti ungheresi, in una formazione che dà ampio spazio all'improvvisazione e si chiama Szabad, che in ungherese significa appunto libertà. Dopo la pubblicazione di un lavoro in quartetto intitolato Februári Fadöntés (No Business Records), ha pubblicato nel 2012 questo Singing Elephant.

Il brano d'apertura evoca un clima sorprendentemente simile al free storico di Archie Shepp, John Tchicai, Sunny Murray, con un tema vibrante che ricorda Albert Ayler e si snoda con magnetismo oggi raro, lasciando spazio agli interventi del sax tenore Péter Bete, di Mezei alla viola e del contrabbassista Erno Hock.

Una musica che oggi potremmo definire intransigente e si snoda senza cali di tensione, caratterizzandosi per la trama magmatica e ritualistica, con i musicisti che danno vita a un libero e intenso interplay collettivo.

Anche se impregnato di quell'estetica, il percorso non si caratterizza come una replica ed evidenzia un sapiente alternarsi di situazioni di tensione e distensione influenzate da un approccio contemporaneo. Tipici esempi sono "Big Street" (intensi assoli di Mezei e Meggyes) e "1 Piper in 5 Inn".

In altri casi (si ascolti "Cocoa") la musica si snoda con meditata concentrazione in una logica cameristica oppure presenta forme più tradizionali (il cantabile e danzante "Singing Elephant").

Un lavoro ancora una volta significativo di Mezei e una pregnante sintesi tra differenti estetiche d'avanguardia. Non fatevelo sfuggire.

Track Listing

1. Among Carbon (9:23); 2. Leopard (9:11); 3. Beautiful Lilly's Sorrow (14:01); 4. Big Street (to Mamaka) (13:35); 5. Cocoa (09:08); 6. Singing Elephant (11:35); 7. 1 Piper in 5 Inn (09:38). Composizioni di Szilárd Mezei.

Personnel

Szilárd Mezei (viola); Péter Bete (sax tenore); Ádám Meggyes (tromba, cornetta); Erno Hock (contrabbasso); Hunor G. Szabo (batteria).

Album information

Title: Singing Elephant | Year Released: 2013 | Record Label: Not Two Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Stepping Up
Simply This Quintet
Eightfold Path
Jeff Lederer
Appaz
Skerebotte Fatta
Repeat
Hogo Fogo
Mary's Ideas
Umlaut Big band
Gemini
Adrianne Duncan
Jazz Words
Steve Million featuring Sarah Marie Young
Music To Dream To
Gemma Sherry

Popular

Live!
Chick Corea Akoustic Band with John Patitucci & Dave Weckl
Mirror Mirror
Eliane Elias
Gullfoss
Nadje Noordhuis
Kinds of Love
Renee Rosnes

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.