Home » Articoli » Album Review » Elsa Nilsson: Salt Wind

2

Elsa Nilsson: Salt Wind

By

Sign in to view read count
Elsa Nilsson: Salt Wind
Svedese di Goteborg, enfant prodige (a cinque anni suonava il piano, a sei compose la prima canzone), trasferitasi per studio prima a Seattle e poi, nel 2010, a New York, Elsa Nilsson è una giovane musicista che suona tutto lo spettro dei flauti, compone le proprie musiche e canta con voce e interpretazione personali.

Questo Salt Wind la vede alla testa di un quartetto con chitarra, basso e batteria, assieme al quale interpreta brani da lei firmati, piuttosto semplici strutturalmente e caratterizzati da una spiccata melodicità, che l'artista cavalca ai flauti o, in due brani, alla voce. Le atmosfere sono anche abbastanza diverse, ma perlopiù accomunate dalla immediatezza dell'approccio ritmico, che oscilla tra uno swing di sapore mainstream (come per esempio in "Continuum") e un andamento di derivazione rock (palese in "Hedning," in filigrana in "Someone for Something").

Una tale semplicità non scade però nel semplicismo, grazie appunto alla diversità delle atmosfere: se brani come l'iniziale "Tiny Bridges, Homemade Island" suonano solari nel loro lirico camerismo, "Staffan Visan" —basata su un tradizionale svedese —ha un colore scuro e riflessivo, "Hedning" richiama il rock centroeuropeo (anche grazie alla particolare interpretazione vocale della Nilsson) e "Byssan Lull," cantata in svedese, suona come un pop nordico. Una varietà che viene tuttavia ottimamente amalgamata dalla cifra stilistica della formazione e che fa del disco un lavoro immediato e leggero, sì, ma anche molto singolare, tanto da sorprendere talora l'ascoltatore.

Anche strumentalmente la Nilsson suona in modo tradizionale, senza particolari artifici né tecnici, né improvvisativi, mostrando però una bella padronanza dei diversi flauti, che varia in funzione del colore da conferire ai diversi brani. Non diverso il ruolo ricoperto dai sui compagni, che si muovono tutti al servizio del gruppo, con limitati spazi di protagonismo (solo la chitarra di Jeff McLaughlin ha alcune occasioni di farsi apprezzare in assolo).

Track Listing

Tiny Bridges, Homemade Islands; Shift; Someone for Something; Inside Brooklyn Thunder; Hedning; Staffans Visan; Continuum; Byssan Lull; Lucia.

Personnel

Elsa Nilsson: flutes, vocals; Jeff McLaughlin: guitar; Alex Minier: acoustic and electric basses; Cody Rahn: drums and percussion.

Album information

Title: Salt Wind | Year Released: 2017 | Record Label: Self Produced

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Eagle's Point
Chris Potter
Can You Hear It?
Mikko Innanen / Cedric Piromalli / Stefan Pasborg
Elegy for Thelonious
Frank Carlberg Large Ensemble

Popular

Jazz Hands
Bob James
Esengo
London Afrobeat Collective
Light Streams
John Donegan - The Irish Sextet

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.