All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Devin Gray: RelativE ResonancE

Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
Devin Gray: RelativE ResonancE
Con Relative Resonance Devin Gray si conferma batterista e band leader di assoluto valore, in grado di mettere in campo una scrittura a più dimensioni, ricca di suggestioni, e di allestire band di alto profilo grazie a musicisti innovativi e dalla mente aperta. Il disco presenta musica complessa, nervosa, irregolare. A volte scontrosa. Nessun evidente filo conduttore, percorsi individuali che seguono traiettorie apparentemente incompatibili, temi che si sviluppano più come impressioni che per logico susseguirsi di segni, dinamiche che sfuggono a regole consolidate, pieni e vuoti che forzano i rispettivi orizzonti.

Come risultato vi è il piacere dell'ascolto, della scoperta continua, della prelibatezza dapprima nascosta o camuffata e poi in bella vista, beffarda, negli ascolti successivi. Anche i brani dall'andamento lento non sfuggono a questo garbuglio di situazioni. Prendete "Jungle Design (For Hannah Shaw)," oltre dieci minuti di suggestioni tra musica colta, avanguardia, minimalismo che trovano improvvise deviazioni, grumi dissonanti che suonano come dolci melodie, fulminanti improvvisazioni, uno swing sotterraneo che prende forma dal nulla.

Fondamentale la scelta di compagni di viaggio perfettamente funzionali alla messa a punto e alla realizzazione delle idee del leader. Chris Speed muove sax e clarinetto con fare quasi disarticolato, privilegiando un suono abrasivo al tenore, quasi acido al clarinetto. Chris Tordini invia pulsazioni tutt'altro che ripetitive, lavora dietro le quinte ma è fondamentale nel fornire densità e forma ai vuoti lasciati appositamente dalla scrittura. E Kris Davis è al solito magnifica interprete degli ottantotto tasti, interlocutore dialettico che favorisce i contrasti tra le onde sonore dei vari strumenti, predilige percorsi angolari, secchi, essenziali e riesce al contempo a rilevarsi il collante decisivo per gli equilibri del suono, delle dinamiche e delle strategie improvvisative del gruppo.

Track Listing

City Nothing City; In The Cut; Notester; Jungle Design (for Hannah Shaw); Transatlantic Transitions; Undo The Redo; Relative Resonance (for Tad Dameron); Search It Up.

Personnel

Devin Gray: drums; Chris Speed: tenor saxophone, clarinet; Kris Davis: piano; Chris Tordini: double-bass.

Album information

Title: RelativE ResonancE | Year Released: 2015 | Record Label: Skirl Records

Post a comment about this album

Listen

Tags

View events near New York City
Jazz Near New York City
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop Amazon

More

In Space
The Luvmenauts
Afrika Love
Alchemy Sound Project
Sunday At De Ruimte
Marta Warelis / Frank Rosaly / Aaron Lumley /...
Westward Bound!
Harold Land
Tread Lightly
Trøen Arnesen Quartet
MMBC Terma
Michael Bisio / MMBC

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.