All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Francois Bourassa Quartet: Number 9

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Number 9 è il titolo del nono album a proprio nome del pianista e band leader di Montreal Francois Bourassa, alla testa del suo classico quartetto, ormai attivo da oltre diciotto anni, che lo vede a fianco del multistrumentista Andre Leroux, del contrabbassista Guy Boisvert e del batterista Greg Ritchie.

La formazione propone un jazz moderno vario e spigliato, basato su composizioni originali di Bourassa tutte piuttosto lunghe—due sole di circa sei minuti, le altre oltre i nove—e articolate, sebbene sempre entro un percorso narrativo piuttosto tradizionale.

L'avvio è una dedica a due miti ispiratori del quasi sessantenne pianista canadese, Carla Bley e Karlheinz Stockhausen, omaggiati in un brano che peraltro non ha molto di esplicitamente tratto dalla loro musica, ma che è comunque uno dei più articolati e cangianti dell'intero album e nel quale il pianista ha uno spazio ampio, proprio per la gestione dei mutamenti strutturali del brano, che opera attraverso l'uso di ostinati e di tagli improvvisi. Seguono poi brani nei quali la dinamica svolge un ruolo più centrale: ”5 And Less” è quasi una ballad, con spazi di assolo per tutti, più veloce e intenso ”Frozen”, nel quale svetta in particolare Leroux, qui particolarmente efficace al sax tenore (nella traccia iniziale era invece eccellente interprete del flauto) che suona in modo molto nitido, con un'espressività non affettata per dare maggiore risalto al fraseggio.

Di nuovo prossima alla ballad ”Past Ich”, mentre ”Lostage” apre con un bel contrappunto tra pianoforte e contrabbasso—ma Boisvert sale in cattedra più volte nel corso del lavoro—e prosegue coralmente in modo molto libero, con forme espressive di tipo nordeuropeo. ”18 Rue de l'Hotel de Ville” è il brano più lento e meditativo del disco, ha un andamento narrativo quasi tormentato e drammaturgicamente è forse il momento più alto dell'album, che si chiude comunque con un ultimo brano dal sapore malinconico.

Lavoro di qualità pur nella traccia di un jazz moderno abbastanza convenzionale, Number 9 si ascolta con piacere e ha il pregio di mettere in mostra un quartetto di musicisti eccellenti, ancorché da noi poco noti.

Track Listing: Carla und Karlheinz; 5 and Less; Frozen; Past Ich; Lostage; 18 Rue de l’Hotel de Ville; Beignes.

Personnel: Francois Bourassa: piano; André Leroux: soprano and tenor saxophone, clarinet, flute; Guy Boisvert: bass; Greg Ritchie: drums.

Title: Number 9 | Year Released: 2017 | Record Label: Effendi Records

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Live Reviews
Album Reviews
Read more articles
Number 9

Number 9

Effendi Records
2017

buy
Live

Live

Self Produced
2008

buy
Indefinite Time

Indefinite Time

Effendi Records
2005

buy
 

Live

Effendi Records
2001

buy

Related Articles

Read Blume Album Reviews
Blume
By Chris May
July 15, 2019
Read About The Moment Album Reviews
About The Moment
By Geno Thackara
July 15, 2019
Read Källtorp Sessions, Volume One Album Reviews
Källtorp Sessions, Volume One
By Mark Corroto
July 15, 2019
Read Book of Hours Album Reviews
Book of Hours
By Friedrich Kunzmann
July 15, 2019
Read Anatomy of Angels Album Reviews
Anatomy of Angels
By Chris May
July 14, 2019
Read The Wroclaw Sessions Album Reviews
The Wroclaw Sessions
By Don Phipps
July 14, 2019
Read Why Don't You Listen? - Live at LACMA, 1998 Album Reviews
Why Don't You Listen? - Live at LACMA, 1998
By Mark Corroto
July 14, 2019