All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

John Zorn: Nove Cantici per Francesco d'Assisi

Mario Calvitti By

Sign in to view read count
John Zorn ci ha abituati da tempo a una produzione tanto quantitativamente copiosa quanto qualitativamente molto alta. Ultimamente ha diradato molto la frequenza delle pubblicazioni per la sua etichetta Tzadik, mantenendo però sempre un alto livello di qualità, e questo recente album ispirato alla figura di San Francesco d'Assisi rappresenta sicuramente uno dei suoi lavori migliori in assoluto. Non siamo però in presenza di un altro Masada Guitars, anch'esso caratterizzato dalla presenza di tre chitarristi, con uno in comune (Frisell), ma nel quale ciascuno di loro suonava singolarmente senza interagire con gli altri; qui gli strumenti collaborano attivamente, tutti coinvolti dalle partiture di Zorn.

Questi Nove Cantici per Francesco d'Assisi (in realtà alla fine i brani che compongono la suite sono diventati dieci, ma il titolo è rimasto quello inizialmente assegnatogli dal compositore) sono stati scritti da Zorn in seguito a una sua residenza presso il museo Frick di New York City, dove è esposto il dipinto "S. Francesco nel Deserto" di Giovanni Bellini, raffigurato sulla copertina dell'album, che lo ha ispirato. Inizialmente il lavoro era stato pensato per il duo di chitarre acustiche formato da Julian Lage e Gyan Riley, per i quali aveva già scritto Midsummer Moons, ma completato da un terzo chitarrista nella persona di Bill Frisell. Il materiale musicale ha preso forma durante una serie di prove a casa di quest'ultimo, dove i ruoli dei tre chitarristi sono stati definiti, soprattutto timbricamente attraverso la scelta delle chitarre (una classica Paul Jacobson con le corde di nylon per Riley, una acustica custom Collings OM 1A JL per Lage, e una Gibson LG-2 acustica del 1952 per Frisell). Il risultato è a dir poco entusiasmante; la musica costruita attraverso gli intrecci delle tre chitarre, ognuna delle quali collabora in modo diretto e univoco alla costruzione dei brani, cattura e affascina fin dalle prime note, portandoci dentro una musica caratterizzata da una purezza cristallina delle note che la compongono, di una bellezza assoluta che combina il rigore della scrittura classica con la spontaneità della improvvisazione jazzistica (peraltro limitata).

Non si può non concordare con l'autore quando scrive nelle note di copertina "Le composizioni hanno una qualità spirituale unica e seducente. Questa è musica che sfida ogni categorizzazione ed è tra le più belle e trascendenti del mio intero catalogo." Queste composizioni si iscrivono con pieno diritto e senza alcun dubbio tra le pagine più belle mai scritte da Zorn, assolutamente da non mancare. Per gli audiofili, è disponibile anche una versione in vinile a tiratura limitata, acquistabile direttamente sul sito Tzadik.

Track Listing: Brother Sun, Sister Moon; Admonitions; Nativity; Laudes Creaturarum; Poor Clares; Sister Death; Mother Earth; Le Laudi; Fioretti; Meditations.

Personnel: John Zorn: composer; Bill Frisell: guitar; Julian Lage: guitar; Gyan Riley: guitar.

Title: Nove Cantici per Francesco d'Assisi | Year Released: 2019 | Record Label: Tzadik

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read Blencathra
Blencathra
By Jack Bowers
Read So Many Stars
So Many Stars
By C. Michael Bailey
Read Knots
Knots
By Glenn Astarita
Read Peaceful
Peaceful
By Mark Sullivan
Read Live in Nuremberg
Live in Nuremberg
By Hrayr Attarian
Read Diversity
Diversity
By Ian Patterson
Read Waves
Waves
By Don Phipps