All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Gaia Wilmer: Migrations

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Gaia Wilmer: Migrations
Sa coniugare feeling e complessità di scrittura Gaia Wilmer, sassofonista e compositrice brasiliana al suo debutto da leader. L'idea di formare quest'ottetto è nata nel primo anno di frequenza ai corsi di composizione jazz del Berklee College of Music e s'è concretizzata nel dicembre 2016 (dopo un annuncio su Kickstarter), durante il secondo anno di master al New England Conservatory.

Prima di trasferirsi negli Stati Uniti, nel 2013, Gaia ha studiato e operato professionalmente a Rio in vari progetti e collaborato con musicisti come Guinga, Egberto Gismonti, Gilberto Gil, Nailor Proveta e Maurício Carrilho. Nel 2015 a Boston, ha sviluppato un progetto dedicato alle musiche di Moacir Santos e guidato un quartetto specializzato nel Choro. All'inizio del 2016 ha iniziato a collaborare nel gruppo The Heart Breath Ensemble del batterista Bob Moses.

Definire la musica di quest'album non è semplice. Il lavoro di composizione è particolarmente raffinato, teso a conseguire una chiara identità timbrica: prevalgono flessuosi impasti di voce e flauto (Song Yi Jeon e Yulia Musayelyan) in temi melodicamente radiosi, che si snodano con lentezza, privilegiando articolate scansioni metriche e ritmiche. Altri strumenti che contribuiscono a caratterizzare gli impasti sono la fisarmonica di Vitor Gonçalves e i due evanescenti sassofoni.

C'è un ottimo equilibrio tra le parti scritte e gli interventi solisti. In qualche caso il delicato lirismo delle melodie viene accantonato a favore di momenti astratti, liberamenti improvvisati (si veda la parte iniziale di «Chá») oppure si privilegiano momenti ritmicamente frenetici come «Acuri», un variopinto brano di Hermeto Pascoal. Il grande compositore brasiliano è uno degli ispiratori di questo disco, accanto a Guillermo Klein («Migrations» fu scritto da Gaia dopo l'ascolto di un suo concerto) e Vijay Iyer (la cui musica ha orientato «After Them»).

Un progetto accurato e inventivo che mostra le personali doti compositive di Gaia Wilmer.

Track Listing

After Them; Criancada; Migrations; Helen; Cha; No Talking; Nostalgias; Acuri.

Personnel

Gaia Wilmer: saxophone; Gustavo D’Amico: saxophone; Yulia Musayelyan: flutes; Song Yi Jeon: voice; Leandro Pellegrino: guitar; Vitor Gonçalves: piano and accordion; Mayo Pamplona: bass; Richie Barshay: drums.

Album information

Title: Migrations | Year Released: 2017 | Record Label: Red Piano Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Read Brazil
Brazil
Mike Barone Big Band
Read Liga Latina
Liga Latina
Liga Latina
Read The Call Within
The Call Within
Tigran Hamasyan
Read Light In The World
Light In The World
Nocturnal Four
Read A Time And A Place
A Time And A Place
Dustin Laurenzi's Natural Language

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.