All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

1

Gaia Wilmer: Migrations

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Sa coniugare feeling e complessità di scrittura Gaia Wilmer, sassofonista e compositrice brasiliana al suo debutto da leader. L'idea di formare quest'ottetto è nata nel primo anno di frequenza ai corsi di composizione jazz del Berklee College of Music e s'è concretizzata nel dicembre 2016 (dopo un annuncio su Kickstarter), durante il secondo anno di master al New England Conservatory.

Prima di trasferirsi negli Stati Uniti, nel 2013, Gaia ha studiato e operato professionalmente a Rio in vari progetti e collaborato con musicisti come Guinga, Egberto Gismonti, Gilberto Gil, Nailor Proveta e Maurício Carrilho. Nel 2015 a Boston, ha sviluppato un progetto dedicato alle musiche di Moacir Santos e guidato un quartetto specializzato nel Choro. All'inizio del 2016 ha iniziato a collaborare nel gruppo The Heart Breath Ensemble del batterista Bob Moses.

Definire la musica di quest'album non è semplice. Il lavoro di composizione è particolarmente raffinato, teso a conseguire una chiara identità timbrica: prevalgono flessuosi impasti di voce e flauto (Song Yi Jeon e Yulia Musayelyan) in temi melodicamente radiosi, che si snodano con lentezza, privilegiando articolate scansioni metriche e ritmiche. Altri strumenti che contribuiscono a caratterizzare gli impasti sono la fisarmonica di Vitor Gonçalves e i due evanescenti sassofoni.

C'è un ottimo equilibrio tra le parti scritte e gli interventi solisti. In qualche caso il delicato lirismo delle melodie viene accantonato a favore di momenti astratti, liberamenti improvvisati (si veda la parte iniziale di «Chá») oppure si privilegiano momenti ritmicamente frenetici come «Acuri», un variopinto brano di Hermeto Pascoal. Il grande compositore brasiliano è uno degli ispiratori di questo disco, accanto a Guillermo Klein («Migrations» fu scritto da Gaia dopo l'ascolto di un suo concerto) e Vijay Iyer (la cui musica ha orientato «After Them»).

Un progetto accurato e inventivo che mostra le personali doti compositive di Gaia Wilmer.

Track Listing: After Them; Criancada; Migrations; Helen; Cha; No Talking; Nostalgias; Acuri.

Personnel: Gaia Wilmer: saxophone; Gustavo D’Amico: saxophone; Yulia Musayelyan: flutes; Song Yi Jeon: voice; Leandro Pellegrino: guitar; Vitor Gonçalves: piano and accordion; Mayo Pamplona: bass; Richie Barshay: drums.

Title: Migrations | Year Released: 2017 | Record Label: Red Piano Records

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read New Jazz Standards, Vol. 4 Album Reviews
New Jazz Standards, Vol. 4
By Dan Bilawsky
April 24, 2019
Read Open Form For Society Album Reviews
Open Form For Society
By Mark Corroto
April 24, 2019
Read Yes Album Reviews
Yes
By John Sharpe
April 24, 2019
Read Avec le temps Album Reviews
Avec le temps
By Mark Sullivan
April 23, 2019
Read Snaketime: The Music Of Moondog Album Reviews
Snaketime: The Music Of Moondog
By Mark Corroto
April 23, 2019
Read Requiem for a New York Slice Album Reviews
Requiem for a New York Slice
By Mark Corroto
April 23, 2019
Read Trion Album Reviews
Trion
By Dan McClenaghan
April 22, 2019