All About Jazz

Home » Articoli » Multiple Reviews

Michael Thomas: due quartetti in primo piano

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Michael Thomas (da non confondere con Michael J. Thomas, sassofonista d'impronta smooth jazz) è tra i sassofonisti, compositori e leader più inventivi dell'ultima generazione. Residente a New York dal 2011 ha acquisito notorietà tra il pubblico più attento della metropoli per la direzione della Terraza Big Band (condivisa con Edward Perez) con cui ha inciso il notevole One Day Wonder. Oltre a questa ha fatto parte delle orchestre di Maria Schneider, Ryan Truesdell, Dafnis Prieto, Miguel Zenon e collaborato con Brad Mehldau, Kenny Barron, Nicholas Payton e altri.

Nato in Florida, ha acquisito un Master's Degree in Jazz Performance al New England Conservatory e continuato a perfezionarsi alla Juilliard School di New York. Mentre viveva a Boston ha iniziato a collaborare col trombettista Jason Palmer (nel cui gruppo ha inciso Nothing to Hide) e progettato il suo debutto da leader: uno scintillante quintetto mainstream registrato a Brooklyn nel 2010 (The Long Way). I dischi seguenti vedono il sassofonista a capo di due quartetti, quasi simili nell'organico ma stilisticamente diversi. Il primo è stato appena pubblicato ma l'incisione precede di pochi mesi l'altro, uscito nel 2020.

Michael Thomas
Natural Habitat
Sunnyside Records
2021

Una delle prime partnership che Michael Thomas ha stabilito a New York è stata col bassista Hans Glawischnig, che assieme al batterista Johnathan Blake, partecipa a entrambi i lavori. In questo disco il quartetto è completato dal pianista Julian Shore. La selezione musicale raccoglie brani scritti dal sassofonista quand'era ancora a Boston che evidenziano le sue fresche doti di scrittura. Lo stile di riferimento è un contemporary mainstream, con brani caratterizzati ritmicamente che si alternano a liriche ballad.

Tutto si sviluppa all'interno di forme consolidate e sia Shore che Glawischnig intervengono con ottimi assoli mentre il drumming interattivo e spezzato di Blake si distingue in ogni brano. Quello d'apertura, "Float" risale al 2009 e si snoda in un trascinante swing con slittamenti metrici da 7/4 a 5/4. Nel successivo "Different Time" il leader imbraccia il clarinetto basso per disegnare una seducente ballad ma il suo strumento preferito resta il sax contralto. Con questo strumento disegna lunghi e vorticosi assoli animati da intenso groove, con slanci repentini nei registri estremi.

Michael Thomas
Event Horizon
Giant Step Arts
2020

Registrate il 14 e 15 agosto 2019 alla Jazz Gallery di New York di fronte a un piccolo pubblico, le undici magnetiche improvvisazioni contenute in questo doppio album si snodano con lucidità, ricordando in molti casi i torrenziali interventi dell'ultimo John Coltrane o dei quartetti di Ornette Coleman con Don Cherry. Anche qui l'assenza del pianoforte o di un altro strumento armonico favorisce la massima libertà a Michael Thomas (qui esclusivamente al contralto) e al trombettista Jason Palmer che disegnano brani di forte impatto, caratterizzati da lunghi e fervidi interventi personali. L'articolato sostegno ritmico di Glawischnig e Blake è il fondale ideale per esaltare le loro capacità espressive, in una tensione collettiva di rara potenza.

Una musica intransigente e audace, dunque, che si lega a pagine memorabili dell'avanguardia storica e dal cui flusso narrativo è difficile distinguere le singole pagine. Accanto a molti momenti vibranti non mancano però quelli caratterizzati da astratto lirismo come "Drift" o concentrata lentezza come "Underground." Il disco termina con "Fox and Cat," basato su una personale, quanto serrata, interpretazione dello shorteriano "Pinocchio."

Liste dei brani e musicisti

Natural Habitat

Brani: Float; Different Time; First; Natural Habitat; Harbor; Fourth; Demise; No Words; Two Cities.
Musicisti: Michael Thomas: sassofono contralto, clarone; Julian Shore: piano, Rhodes, sintetizzatori; Hans Glawischnig: contrabbaso; Johnathan Blake: batteria.

Event Horizon

Brani: CD 1: Distance; Drift; Bass Intro; Dr. Teeth; Framework. CD 2: Sax Intro; Chant; Underground; Drum Intro; Event Horizon; Fox and Cat.
Musicisti: Michael Thomas: sassofono contralto; Jason Palmer: tromba; Hans Glawischnig: contrabbaso; Johnathan Blake: batteria.

Post a comment

Watch

Tags

More

Waterwheel
Daniel Thatcher
New Leaves
Dan Rose, Claudine Francois
Astonishments
Steve Swell
A Swingin' Sesame Street Celebration
Jazz at Lincoln Center Orchestra with Wynton...

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.