Home » Articoli | Recensioni

Multiple Reviews

Claudio Cojaniz: lirismo blues in tre scenari

Read "Claudio Cojaniz: lirismo blues in tre scenari" reviewed by Neri Pollastri


Ha compiuto settant'anni lo scorso anno, Claudio Cojaniz, pianista tornato nel natio Friuli dopo qualche anno di residenza in terra di Calabria e che prosegue in una produzione prolifica e diversificata. Lasciato alle spalle l'intenso lavoro su Thelonious Monk e contenuto il furore espressivo che aveva caratterizzato una parte della propria attività artistica, Cojaniz ha sviluppato quanto lasciatogli da quel periodo in composizioni malinconicamente liriche, dai toni vivaci ma misurati, immancabilmente striate di blues, interpretate pariteticamente in dialogo con musicisti ...

Le magie sonore di Sebi Tramontana

Read "Le magie sonore di Sebi Tramontana" reviewed by Neri Pollastri


Classe 1960, a lungo collaboratore di Mario Schiano, membro dell'Italian Instabile Orchestra, Sebi Tramontana è con Giancarlo Schiaffini uno dei più originali interpreti italiani del trombone, strumento che suona sfruttando tutte le sue possibilità espressive e utilizzando spesso tecniche non convenzionali, sordine e oggetti atti a modificarne il suono. L'inventiva e la maestria di Tramontana si possono apprezzare in situazioni diverse nei due dischi che prendiamo qui in esame, entrambi editi da We Insist! Records anche se usciti ...

Bobby Previte: Boom-Boom. Due volte Boom

Read "Bobby Previte: Boom-Boom. Due volte Boom" reviewed by Vic Albani


Dopo sostanziali anni di attività per certi versi limitata, il genio Bobby Previte torna a cavalcare comete musicali di infinita bellezza e intelligenza. Credo esistano ben pochi musicisti così profondi, analitici, curiosi ed allo stesso tempo così schivi e umili come Previte, da sempre nel cuore di ogni illuminato cultore di musiche moderne. Illuminato forse proprio perché la musica del batterista di New York di origini italiane rischiara il buio dai tempi dello straordinario Bump the Renaissance del ...

Samo Šalamon, prolifica libertà

Read "Samo Šalamon, prolifica libertà" reviewed by Neri Pollastri


Chitarrista e compositore sloveno assai prolifico e dalle mille frequentazioni, Samo Šalamon, che abbiamo appena intervistato compare nelle situazioni più disparate in questi dodici lavori pubblicati tra il 2018 e il 2022, con il recentissimo omaggio a Eric Dolphy, figurandovi comunque sempre come titolare o contitolare. Vediamoli uno a uno fino. Samo Šalamon, Tony Malaby, Roberto Dani Traveling Moving Breathing Clean Feed Traveling Moving Breathing, registrato nel 2017 e uscito l'anno dopo ...

3

Bill Evans inedito: Olanda 1969 e Canada 1975

Read "Bill Evans inedito: Olanda 1969 e Canada 1975" reviewed by Angelo Leonardi


Escono quasi in contemporanea, tra la fine di giugno e la seconda metà di luglio, due splendide testimonianze dei trii di Bill Evans comprendenti Eddie Gomez e Marty Morell (Hilversum--Amsterdam 1969) e Gomez con Eliot Zigmund (Vancouver 1975), rispettivamente. Sono entrambe registrazioni live di qualità acustica eccellente che testimoniano la magnificenza di quel pianista e il percorso della sua arte in trio, dopo Scott LaFaro e Paul Motian. Dai concerti in tour di Bill Evans è stato ...

Gianmaria Aprile e Massimo Garritano: visioni sonore solitarie

Read "Gianmaria Aprile e Massimo Garritano: visioni sonore solitarie" reviewed by Mario Calvitti


Recentemente sono stati pubblicati due lavori di chitarristi italiani accomunati da una gestazione molto simile, anche se molto diversi nei risultati musicali. Entrambi sono stati concepiti e realizzati durante un isolamento volontario degli artisti nei loro paesi di origine ai lati opposti della penisola (Lombardia per Gianmaria Aprile, Calabria per Massimo Garritano), in mezzo alla natura, affidando ai suoni generati dai loro strumenti la descrizione di immagini, ricordi, impressioni che vanno a costituire una sorta di diario sonoro intimo e ...

1

L'improvvisazione di Amirani Records

Read "L'improvvisazione di Amirani Records" reviewed by Neri Pollastri


L'etichetta indipendente Amirani Records del sassofonista Gianni Mimmo (clicca qui per leggere la recente intervista), dopo quindici anni di vita gode di ottima salute, continuando a documentare e promuovere originali progetti del variegato mondo dell'improvvisazione radicale e della musica contemporanea. L'uscita più recente, la numero 65, documenta l'ultimo concerto, in piano solo, dello scomparso Gianni Lenoci, che di Mimmo fu amico e frequente collaboratore (ne parliamo in un altro articolo), ma qui vogliamo dare notizia di quella subito precedente e ...

1

Gemme splendenti dal lascito di Gianni Lenoci

Read "Gemme splendenti dal lascito di Gianni Lenoci" reviewed by Neri Pollastri


Il 30 settembre 2019 ci lasciava Gianni Lenoci, pianista sopraffino, compositore, didatta e attento commentatore delle vicende culturali. La sua dipartita, tuttavia, non ha comportato la scomparsa della sua arte e della sua lezione: già lo scorso anno erano infatti usciti due dischi postumi, The Uncle, del quartetto di Francesco Cusa di cui faceva parte, e The Whole Thing dei Reciprocal Uncle, lo storico duo con il sassofonista soprano Gianni Mimmo, dal quale veniva il suo soprannome “lo zio." Adesso ...

Lucian Ban, live dalla natia Transilvania

Read "Lucian Ban, live dalla natia Transilvania" reviewed by Neri Pollastri


Musicista prolifico, come leader o sideman, il pianista di origini rumene Lucian Ban presenta per la Sunnyside due lavori, entrambi ricchi di suggestione e registrati in concerto nell'identico luogo--la Baroque Hall di Timisoara, in quella Transilvania di cui l'artista è originario--e tuttavia estremamente diversi tra loro. Abraham Burton, Lucian Ban Blacksalt Sunnyside Records Registrato il 5 giugno 2018, al termine di un tour europeo, il primo CD vede Ban in duo con ...

1

Dave Liebman tra Maestri e allievi

Read "Dave Liebman tra Maestri e allievi" reviewed by Neri Pollastri


Classe 1946, Dave Liebman viaggia verso i settantacinque anni, ma li porta con una leggerezza e un'energia che gli permettono un'invidiabile produttività e, soprattutto, un encomiabile e continuo livello qualitativo dei suoi lavori. I tre che prendiamo qui in considerazione sono tutti di uscita recente, anche se la loro registrazione risale in due casi--entrambi live--a qualche anno fa, e riprendono il sassofonista in contesti piuttosto diversi, ora accompagnato da monumenti del jazz del suo calibro, ora invece da colleghi più ...


Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.