1

Melodic Art-Tet: Melodic Art-Tet

Alberto Bazzurro By

Sign in to view read count
Su doppio LP (tirato in 400 esemplari) o singolo CD (di quasi ottanta minuti), la benemerita etichetta lituana NoBusiness Records porta alla luce un altro reperto d'epoca, in questo caso, oltre tutto, riguardante una formazione altrimenti inedita su disco. Si tratta del Melodic Art-Tet, prodotto abbastanza tipico del cosiddetto loft jazz, colto in una registrazione radiofonica alla newyorkese WKCR, la radio della Columbia University, il 15 ottobre 1974.

Salta subito all'occhio la presenza di un ventiduenne William Parker, anche se la principale mente del quintetto è il sassofonista Charles Brackeen, coetaneo o giù di lì (1940) dei vari membri dell'Art Ensemble Of Chicago, la cui linea estetica in qualche misura riecheggia (per comunanza d'intenti più che per influenza diretta, si direbbe), in un clima che—specie nel brano iniziale—definiremmo post-ayleriano, in un afflato di panafricanismo all'epoca particolarmente sentito.

Rispetto ai colleghi chicagoani, il MAT sposa una linea più monolitica (di certo non altrettanto vorace sul piano polistrumentale, anche perché Brackeen—all'epoca marito della pianista JoAnne Brackeen—dedica quasi tutte le sue cure al sax tenore), cosa che si riflette sulla resa della musica globalmente intesa (già non troppo ben servita in quanto a presa di suono). Ciò non impedisce al lavoro di imporsi al di là della pura sfera documentaristica: vi si respira un'aria estremamente partecipativa, vorace, corporea ma non a senso unico, ritmicamente piena e ammantata di un ritualismo a sua volta tipico dei tempi (Frank Lowe, Frank Wright, Kalaparush Maurice McIntyre, l'Ethnic Heritage Ensemble sono altri nomi che vengono in mente di fronte a una musica come questa).

La durata dei brani spazia dai 12' alla mezz'ora (il terzo episodio, in versione LP scorporato tra facciata 3 e 4), con qualche inevitabile lungaggine, ma—ripetiamo—sempre con la sensazione di trovarsi di fronte a una musica pulsante, viva, attraversata da quella che si suol definire "urgenza espressiva."

Documento assolutamente meritorio.

Track Listing: Before Heaven and Earth and the World - Face of the Deep; Above the Cross - My Divine; Time and Money - Yamaca - Open - Pit Chena - In the Chapel - With Cheer; Redemption - Consecration.

Personnel: Ahmed Abdullah: tromba; Charles Brackeen: sax tenore e soprano, flauto; William Parker: contrabbasso; Roger Blank: batteria; Tony Waters (Ramadan Mumeen): percussioni.

Title: Melodic Art-Tet | Year Released: 2014 | Record Label: NoBusiness Records


Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read Just Friends: Live at the Village Vanguard CD/LP/Track Review Just Friends: Live at the Village Vanguard
by C. Michael Bailey
Published: September 19, 2017
Read Introducing the Simon Eskildsen Trio CD/LP/Track Review Introducing the Simon Eskildsen Trio
by Jakob Baekgaard
Published: September 19, 2017
Read Moment Frozen CD/LP/Track Review Moment Frozen
by Roger Farbey
Published: September 19, 2017
Read Minor Step CD/LP/Track Review Minor Step
by Mike Jurkovic
Published: September 19, 2017
Read A Meeting Of Spirits CD/LP/Track Review A Meeting Of Spirits
by Roger Farbey
Published: September 18, 2017
Read First Light CD/LP/Track Review First Light
by Mark Sullivan
Published: September 18, 2017
Read "Seasons 1-4 Live" CD/LP/Track Review Seasons 1-4 Live
by Rob Rosenblum
Published: January 6, 2017
Read "GIO Sevens" CD/LP/Track Review GIO Sevens
by Duncan Heining
Published: September 2, 2017
Read "Nigerian Spirit" CD/LP/Track Review Nigerian Spirit
by James Nadal
Published: May 29, 2017
Read "Cub(an)ism" CD/LP/Track Review Cub(an)ism
by Dan McClenaghan
Published: June 17, 2017
Read "On Hollywood Boulevard" CD/LP/Track Review On Hollywood Boulevard
by Sacha O'Grady
Published: December 6, 2016
Read "Silk & Steel" CD/LP/Track Review Silk & Steel
by Budd Kopman
Published: October 24, 2016

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.