All About Jazz

Home » Articoli » Multiple Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Max Johnson: In the West; Borderlands Trio: Asteroidea

Stefano Merighi By

Sign in to view read count


Max Johnson
In the West
Clean Feed Records

Un talento multiforme quello del bassista Max Johnson, in grado di spaziare dal rock al bluegrass, dal jazz d'avanguardia alla musica da camera. Tutte queste capacità mimetiche precipitano nel suo album In the West, disco che sembra contenere a fatica l'insieme di idee che traboccano dai suoi solchi. Già in "Ten Hands" una partenza "cinematica," pulsante, dove il contrabbasso insegue un beat da thriller misterioso, si sfrangia poi in un puzzle di variazioni, rallentandone il ritmo e inserendo nelle trame di piano e batteria la straniante chitarra steel di Susan Alcorn.

Il seguito dell'album si affida ad una indeterminatezza metrica che lascia spazio a improvvisazioni che privilegiano il frammento al periodare narrativo, l'ascolto reciproco a volte è felice, altre un po' opaco, in un'altalena di situazioni che disorienta e non fa riposare l'ascoltatore; in questo quadro sonoro il basso del leader è costantemente pulsante e presente, assecondato dalla levità delle percussioni di Mike Pride. Ambizioso è l'arrangiamento del brano di Morricone, ampiamente trasfigurato, con il leader che fa vibrare lo strumento con l'arco nella prima parte, fino alla melodia trasognata descritta dal piano di Kris Davis e alle successive evoluzioni di gruppo.

Borderlands Trio
Asteroidea
Intakt Records

Ed è proprio la pianista l'anello di congiunzione dei due dischi qui discussi. Una Kris Davis ormai pienamente riconosciuta come autorevole e affidabile, in grado di condizionare qualsiasi programma musicale cui partecipa, capace di padroneggiare la scrittura e l'arrangiamento, così come la variazione estemporanea, in grado di offrire inoltre un tocco pianistico non derivativo, di difficile collocazione.

Qualità che emergono in pieno nel formidabile Asteroidea del trio cooperativo Borderlands, completato da Stephan Crump al contrabbasso e Eric McPherson alla batteria. Un trio tra i più brillanti degli ultimi anni, che mette a fuoco diverse poetiche che stanno alla base di questa formula, ma che spinge a fondo sul pedale della iterazione ipnotica, specie nelle sequenze di piano preparato contenute nella lunga "Borderlands."

Un'esecuzione lucidissima, ricca di sfaccettature e intricati ricami, di groove coinvolgente affiancato da concettismi mai gratuiti. Il virtuosismo del tre solisti è vigile nell'evitare protagonismi individuali e nel plasmare invece una concezione collettiva di notevole potenza. L'ostinazione ritmica di "Flockwork" -che può richiamare certe ritualità delle orchestre gamelan—è assai originale nelle sue impercettibili variazioni di velocità e di articolazione.

Il resto del programma si muove in territori più astratti ma non perde mai la bussola del rigore e della passione espressiva. Vivamente consigliato.

Elenco dei brani e musicisti

In the West:

Brani: Ten Hands; Greenwood; Great Big Fat Person; Once Upon a Time in the West.

Musicisti: Susan Alcorn, pedal steel guitar; Kris Davis, piano; Max Johnson, contrabbasso; Mike Pride, batteria

Asteroidea:

Brani: Borderlands; Carnaval Hill; Flockwork; Ochre; Body Waves; From Polliwogs.

Musicisti: Stephan Crump, contrabbasso; Kris Davis, piano; Eric McPherson, batteria.

Tags

comments powered by Disqus

Multiple Reviews
Album Reviews
Live Reviews
Album Reviews
Multiple Reviews
Album Reviews
Read more articles
Duopoly

Duopoly

Pyroclastic Records
2016

buy
Save Your Breath

Save Your Breath

Clean Feed Records
2015

buy
Massive Threads

Massive Threads

Thirsty Ear Recordings
2013

buy
Capricorn Climber

Capricorn Climber

Clean Feed Records
2013

buy
 

Aeriol Piano

Clean Feed Records
2012

buy
 

Aeriol Piano

Clean Feed
2011

buy

Shop

Start your shopping here and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Related Articles

Read Evan Parker and Paul G. Smyth on Weekertoft Multiple Reviews
Evan Parker and Paul G. Smyth on Weekertoft
By John Eyles
February 17, 2019
Read The Grammys' Failure To Recognize 2018's Greatest Rock Records Multiple Reviews
The Grammys' Failure To Recognize 2018's Greatest Rock Records
By John Bricker
February 16, 2019
Read Stefan Pasborg: A Drummer’s World of Vinyl Multiple Reviews
Stefan Pasborg: A Drummer’s World of Vinyl
By Jakob Baekgaard
February 5, 2019
Read Big Star: Live-r Than They Ever Were Multiple Reviews
Big Star: Live-r Than They Ever Were
By Doug Collette
February 2, 2019
Read Allison Miller: Modern Jazz Icon in the Making Multiple Reviews
Allison Miller: Modern Jazz Icon in the Making
By Doug Collette
February 1, 2019
Read Winter 2019 Multiple Reviews
Winter 2019
By Doug Collette
January 26, 2019