Home » Articoli » David Sylvian: Manafon

Album Review

David Sylvian: Manafon

By

Sign in to view read count
David Sylvian: Manafon
Cosa è diventato David Sylvian? Un griot contemporaneo che canta sui rottami della musica moderna. O, forse, un apprendista stregone che ha isolato la dimensione temporale della musica, non più flusso, successione, ma serie finita di attimi.

Questo nuovo lavoro, registrato in giro per il mondo (Vienna, Tokio e Londra) dice essenzialmente una verità: la sua figura di elegante e raffinata rockstar (prima con i Japan, poi con una manciata di dischi ineguagliabili prodotti negli anni '80) è sepolta da una coltre spessa e irraggiungibile. Il processo ormai è irreversibile. Ora la sua espressività è come se soffocasse l'attesa: un po' come la canicola che strangola il silenzio nei giorni d'agosto.

La sua vocalità - sempre più protagonista, sempre più uno strumento a parte - si erge su scricchiolii, fruscii, bisbigli indistinti che sembrano testimonianze segrete di una intimità violata. I suoni si fanno impurità. Non aggiungono, sottraggono. Vampirizzano, dalle successione di note, tutta la melodia, atrofizzandone la musica. Abbiamo un disco fatto anche di "no-input mixer, live signal processing e laptop," non si dovrebbe pretendere di più.

Pochi sono gli esempi che sembrano lievemente sfuggire all'estetica atonale. Succede con l'iniziale "Small Metal Gods" o con la title track. Ma è solo un'impressione sviante.

I flussi sonori sono frammentati, tagliuzzati, incompleti. L'elettrostaticità sembra essere latente come un fiume sotterraneo. Il rumore ha una tensione dislessica ("Random Acts of Senseless Violence," "Snow White in Appalachia," "Emily Dickinson").

Sylvian ha creato (con lui, tra gli altri, Christian Fennesz, John Tilbury, Evan Parker) un disco di non-senso, una immutabile struttura di incomunicabilità, forse troppo insistita e ripetitiva. Basterebbe una sola traccia a rappresentarla. Lui propone nove mutazioni tematiche replicanti di se stesse, da chiedersi se ne valga davvero la pena di dargli credito una volta di più.

I segreti dell'alveare, della terra e di alberi brillanti appartengono solo al ricordo. Hanno lasciato lo spazio a sotterranei di note estinte che sono come simulacri di un tempo immemore. La musica finisce qui.

Track Listing

01. Small Metal Gods; 02. The Rabbit Skinner; 03. Random Acts of Senseless Violence; 04. The Greatest Living Englishman; 05. 125 Spheres; 06. Snow White in Appalachia; 07. Emily Dickinson; 08. The Department of Dead Letters; 09. Manafon.

Personnel

Burkhard Stangl (chitarra); Werner Dafeldecker (basso acustico); Michael Moser (violoncello); Christian Fennesz (laptop, chitarra); Toshimaru Nakaruma (no – input mixer); Otomo Yoshide (giradischi); John Tilbury (piano); Evan Parker (sax); Marcio Mattos (violoncello); Joel Ryan (live signal processing); David Sylvian (chitarra, tastiere); Keith Rowe (chitarra); Franz Hautzinger (tromba); Ttuzi Akiyama (chitarra elettrica e acustica); Sachiko M. (sine waves); Burkhard Stangl (chitarra).

Album information

Title: Manafon | Year Released: 2009 | Record Label: SamadhiSound

Post a comment about this album


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Pan Africa
Derrick Gardner & The Jazz Prophets
Antonyms
Dominic Lash, Alex Ward
The Source
Kenny Barron
Espérame en el Cielo
Gilbert Castellanos

Popular

Exude
Francesca Han & Ralph Alessi
Baker's Dozen
The Muffins
Blues & Bach: The Music Of John Lewis
Enrico Pieranunzi Trio & Orchestra
The Border
Douwe Eisenga

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.