Home » Articoli » Album Review

Bruno Råberg: Lifelines

By

Sign in to view read count
Bruno Råberg: Lifelines
Bassista e compositore svedese, Bruno Råberg da qualche anno realizza album da solista con musicisti prevalentemente americani, tutti di gran classe. Sesto lavoro solistico, Lifelines vede assieme al leader il sassofonista Chris Cheek, il chitarrista Ben Monder, Matt Wilson e Ted Poor alla batteria.

Si tratta di un album doppio, Blue Disk è il primo disco e Red Disk il secondo, in cui l'organico è stabile eccezion fatta per la batteria alla quale si alternano Matt Wilson e Ted Poor. Il repertorio è interamente composto dal leader, tranne Nardis di Miles Davies, e molto è frutto dell'improvvisazione in studio.

Avvio graffiante in pieno stile downtown che ricorda un po' Ben Allison e lascia subito intendere che si tratta di musica piena di colori e modernità. Ritmi e melodie ipnotiche ora più emozionanti, ora più riflessive, che si alternano per un lavoro dal filo narrativo coerente penalizzato un po' solo dalla durata: pieno di buoni spunti e intuizioni, eseguito in modo eccellente, finisce però per diventare un po' prolisso e ripetitivo. Composizioni fresche e spesso effervescenti dalle sonorità asciutte e decise che alternano parti solistiche individuali e accompagnamento a parti decisamente più corali in cui gli strumentisti si contrappuntano a vicenda.

Entrambi i batteristi usano molto i piatti e il colore conferendo ariosità e sospensione all'insieme dell'opera. Ben Monder si fa notare per il gioco di squadra che fa per lunghi tratti, ma senza mai far sfoggio di virtuosistici assoli intermininabili, intessendo con Poor o Wilson. Sulle ballad Cheek si fa triste e struggente, duetta con Monder sostenuto da un accompagnamento denso di emozione e inquietudine.

Unica eccezione fusion, in pieno stile Mahavishnu, è Cosmic Kerfuffle, in cui Ben Monder si fa più caustico, distorto ed esuberante.

Complessivamente un lavoro discreto che, se "spremuto" e ricondotto all'essenziale, sarebbe stato un bell'album (singolo) con più ritmo e meno ripetitività.

Track Listing

Blue Disk: 1. Agog - 6:51; 2. Agni - 3:08; 3. April Suite - 9:18; 4. Chosen Path - 9:11; 5. Lifelines - 6:21; 6. Revisited Path - 2:12; 7. Intersection - 3:53; 8. Moondown - 2:43; 9. An Afternoon By The Meadow - 2:38; 10. Gymnastics/Skyscapes - 9:32; 11. Ballad for Summer's End - 5:17. Red Disk: 1. Elegy - 7:10; 2. Nardis/Cow's Tail – 07 :17; 3. Fora Do Retrato - 6:52 ; 4. Cosmic Kerfuffle 4:36; 5. Doxian (Darken in Color) - 6:08; 6. Expectation - 6:36; 7.Candescence - 9:04 ; 8. Distant Roads - 4:23; 9. Flurries - 2:05; 10. Dream Walker - 4:16; 11. Eruption - 3:24; 12. New Land -5:11. Tutte le comosizioni sono di Bruno Råberg tranne « Nardis » di Miles Davies.

Personnel

Chris Cheek (sax soprano e tenore), Ben Monder (chitarra), Bruno Råberg (contrabbasso), Ted Poor (batteria), Matt Wilson (batteria) (contrabbasso).

Album information

Title: Lifelines | Year Released: 2009

Post a comment about this album

Tags

More

Isabela
Oded Tzur
Soundtrack
Jeremy Pelt
Precarious Towers
Johannes Wallmann

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.