All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

1

Federica Michisanti Trioness: Isk

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
La giovane contrabbassista romana Federica Michisanti giunge al secondo lavoro da leader del suo Trioness, gruppo in equilibrio tra l'eredità di Jimmy Giuffre e la poetica degli Oregon.

L'influenza del grande clarinettista è evidente fin dalla tipologia della formazione -pianoforte e contrabbasso, con ance e senza batteria -ma è ancor più evocata dalle atmosfere, sempre soffuse e rilassate sebbene ricche di tensione latente; quella della storica formazione di jazz cameristico si riconosce invece per i ricorrenti interventi di Matt Renzi a oboe e corno inglese, per le quattro improvvisazioni che si alternano alle liriche composizioni e anche per alcune delle forme tematiche, come in "Isk" o nella conclusiva "Al Jabal."

Dal punto di vista interpretativo la Michisanti è per tutto il lavoro molto convincente, aprendo la prima traccia con un solo astratto, supportando ritmicamente tutti i brani e prendendosi numerosi altri spazi, nei quali mostra notevoli qualità nel suono, sempre caldo e profondo, e nel fraseggio cantabile. Singolare il modo in cui ricopre il proprio ruolo il pianista Simone Maggio, raramente lirico e ancor meno tradizionalmente jazzistico, che apre nei suoi assoli delle finestre sospese, un po' alla John Taylor. Ma la voce individuale che più caratterizza il lavoro è senz'altro quella del multistrumentista Matt Renzi, eccellente al tenore, ove mostra un suono pulitissimo, ma soprattutto estremamente espressivo alle doppie ance, ove il suono si fa particolarissimo e dona alle atmosfere un colore unico.

Grazie a questa originale tavolozza e al lavoro comunque assai sinergico dei musicisti -cosa che rispetta il nome della formazione, termine inventato che rinvia all'unificazione della triade -la musica scaturisce fresca e godibile al cambiare delle atmosfere: liriche le prime due tracce e i citati brani eponimo e conclusivo; astratte e complesse le improvvisazioni, tra le quali spiccano la più diretta "Impro 1" e l'articolata e tesa "Impro 2"; sognante e ipnoticamente cadenzata "Slow March"; più strettamente jazzistiche "Further" e "Noise Reduction."

Un lavoro immediato ma originale, interessante e godibilissimo, suonato magnificamente, di un notevole terzetto di musicisti, la cui leader merita da qui in avanti di essere seguita con molta attenzione.

Track Listing: Hush; Before I Go; Impro 1; Slow March; Further; Impro 5; Reset; Impro 2; Isk; Impro 3; Noise Reduction; Al Jabal.

Personnel: Federica Michisanti: bass; Matt Renzi: tenor saxophone, clarinet, English Horn, oboe; Simone Maggio: piano.

Title: Isk | Year Released: 2016 | Record Label: Filibusta Records

About Federica Michisanti
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Watch

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read Cobb's Pocket
Cobb's Pocket
By Dan Bilawsky
Read Blues For Charlie
Blues For Charlie
By Jim Worsley
Read Cobb's Pocket
Cobb's Pocket
By Nicholas F. Mondello
Read Cause and Effect
Cause and Effect
By Ian Patterson
Read Geschmacksarbeit
Geschmacksarbeit
By John Eyles
Read Emergence
Emergence
By Geannine Reid
Read Never More Here
Never More Here
By Dan McClenaghan
Read Lanzarote
Lanzarote
By Gareth Thompson