Home » Articoli » Album Review

1

Mark Lockheart: In Deep

By

Sign in to view read count
Mark Lockheart: In Deep
Eccola ancora la Edition Records. con il suo carico di preziose registrazioni che stanno offrendo un significativo spaccato della scena improvvisativa inglese. Dopo i talenti giovanili (ne sentiremo parlare a lungo) a nome Dave Stapleton e Mattew Bourne celebrati con gli album Dismantling the Waterfall e Lost Something, tocca ad un veterano come il sassofonista Mark Lockheart rivelare la propria arte. Che parte da lontano e precisamente da Loose Tube, band di ventun elementi che giocò un ruolo fondamentale nella British Renaissance jazzistica degli anni ottanta, per proseguire con gruppi quali Polar Bear e Perfect Houseplants e collaborazioni trasversali con artisti come Robert Wyatt, Anja Garbarek e Radiohead.

Se vi è un tratto distintivo nel percorso artistico di Mark Lockheart è quello della trasversalità, della necessità di cambiare continuamente prospettiva per avvicinarsi ad una visione musicale "universale" sorretta, possibilmente, da un'interpretazione personale ed originale. Dopo un lungo e proficuo peregrinare tra grandi orchestre, sperimentazione, musica d'autore, sonorizzazioni teatrali, musica per film e per programmi televisivi, accompagnamento di musicisti folk, Lockheart realizza con In Deep una sorta di stato dell'arte della propria carriera.

Il disco riflette le mille influenze e i mille interessi del sassofonista di Lymington, ma suona omogeneo e perfettamente calibrato, perché filtrato dalle fitte maglie di una maturità e di una saggezza consapevolmente non definitive che mantengono la musica dinamica e con lo sguardo aperto al futuro. Si possono così apprezzare l'evocativo free-bop di "Surfacing ," l'incipit swing-era di "Golden People" che sfocia inaspettatamente in un brano astratto e meditativo, i profumi sudafricani di "Long Way Gone," "Believe It or Not" dove Duke Ellington sembra incontrare Nils Petter Molvaer, i quattro aforismi improvvisativi disseminati lungo il percorso di In Deep, e molto altro ancora.

Track Listing

Stairway; Surfacing; Golden People; Undercovers; Believe It Or Not; Not In My Name; Falling; Sand Into Gold; Snakeout; Nutter; Sunday soon.

Personnel

Mark Lockheart: saxophone; Dave Priseman: trumpet; Liam Noble: piano; Jasper Holby: bass; Dave Smith: drums.

Album information

Title: In Deep | Year Released: 2009 | Record Label: Edition Records

Post a comment about this album

Tags

More

Isabela
Oded Tzur
Soundtrack
Jeremy Pelt
Precarious Towers
Johannes Wallmann

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.