All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Raffaello Pareti, Francesco Bearzatti, Mauro Ottolini, Walter Paoli: Il mondo che verrà

BY

Sign in to view read count
Raffaello Pareti, Francesco Bearzatti, Mauro Ottolini, Walter Paoli: Il mondo che verrà
Dopo il debutto quattro anni fa con The Roar at the Door il quartetto del contrabbassista toscano è tornato negli studi di Stefano Amerio per incidere un nuovo album in continuità col precedente: otto composizioni originali articolate nei tempi e nelle strutture che s'impongono per il trascinante drive ritmico e il veemente gioco di relazioni tra i musicisti.

Raffaello Pareti nelle note del disco si sofferma sui propri rapporti con la composizione ammettendo di non avere un metodo di lavoro disciplinato: "Aspetto paziente che un'idea abbocchi all'amo e così, come un cercatore di metalli preziosi, passo al setaccio le idee che seleziono dal riesame delle improvvisazioni (per lo più vocali) che scaturiscono in risposta a un brano, o un'idea, che ha infiammato la mia fantasia."

Quale che sia il metodo, i brani di Pareti s'impongono per la chiarezza delle soluzioni espressive, spesso giocate su frasi-tema o figure ritmiche ostinate che fungono da ossatura per ulteriori sviluppi. Una scrittura che lascia ampio spazio all'eccellente contributo di Francesco Bearzatti e Mauro Ottolini.

Il percorso musicale è fantasioso e variopinto. Alcuni brani si presentano con un taglio ritmico marcato (talvolta contagiosamente funky), efficaci parti esposte all'unisono e incisivi interventi personali: è il caso dei due nervosi temi introduttivi, "La strada" e "Il bar delle fragole," ma anche di "Crickets in My Head" e del conclusivo "Effetto Otto." In altri momenti ("Tra chiaro e oscuro," "Sirene") prevale un clima riflessivo, con cantabili melodie disegnate dal radioso clarinetto di Bearzatti e dell'evocativo trombone con sordina di Ottolini. Ma il tema di maggior presa è "Notturno," che s'impone per il clima deliziosamente retrò e le contagiose soluzioni ritmico melodiche. Sarebbe la colonna sonora ideale per un film noir ambientato negli anni cinquanta.

Track Listing

La strada; Il bar delle fragole; Tra chiaro e oscuro; Il mondo che verrà; Sirene; Crickets in My Head; Notturno; Effetto Otto.

Personnel

Francesco Bearzatti: sax tenore, clarinetto; Mauro Ottolini: trombone, tromba bassa, flauti sardi; Raffaello Pareti: contrabbasso; Walter Paoli: batteria.

Album information

Title: Il mondo che verrà | Year Released: 2015 | Record Label: Artesuono

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

The Cave of Winds
Tony Malaby
Don't Look Back
Bernie Senensky Quartet/Quintet
Take That Back
Joan Hutton & Sue Orfield
A New Light
Eric Goletz
Blue Vision
Eric Person
Natten
Bremer/McCoy
Dancing Shadows
Tyler Mitchell

Popular

12 Stars
Melissa Aldana
2 Blues For Cecil
Andrew Cyrille, William Parker & Enrico Rava

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.