Home » Articoli » Ictus Festival

Live Review

Ictus Festival

Ictus Festival

Courtesy Luciano Rossetti

By

Sign in to view read count
Ictus Festival
Teatro Out Off
Milano
4-7.7.2022
Per festeggiare degnamente i cinquant'anni di attività professionale di Andrea Centazzo ed i quarantacinque anni dell'etichetta Ictus Records da lui fondata, nella prima settimana di luglio si è tenuto al Teatro Out Off di Milano un festival (dedicato alla memoria del fotografo Roberto Masotti) a cui hanno preso parte numerosi musicisti che, nel corso dei decenni, hanno collaborato con l'artista friulano e la sua casa discografica.

Nomi storici della musica di avanguardia e di ricerca (Guido Mazzon, Giancarlo Schiaffini, Harri Sjostrom, Steve Swell e molti altri) hanno dato vita ad un fitto programma. Quattro giorni, quattro set da 25-30 minuti per sera, ciascuno ispirato ad un album dell'etichetta. Organici variabili si sono avvicendati sul palco, mescolandosi, scomponendosi e ricomponendosi come da migliore tradizione, per ripercorrere la storia dell'etichetta e dare vita ad una musica densa e poco incline alle concessioni.

Sia pure con le dovute differenze di stile e di approccio (chi ha prediletto le atmosfere rarefatte, chi i guizzi estemporanei, chi i crescendo su pedali e ostinati), gli artisti che hanno partecipato al festival condividono infatti una comune visione, estremamente rigorosa, dell'arte. Che non può essere fruita distrattamente, ma che richiede anzi una buona dose di impegno da parte dell'ascoltatore. Cosa, questa, che mal si concilia con lo spirito del tempo, edonista e social. Abbiamo dunque dovuto constatare, con dispiacere, che al Teatro Out Off era presente soltanto un nucleo di happy few. Pochi ma buoni, si sarebbe detto una volta. E tuttavia davvero troppo pochi per una città delle dimensioni di Milano, che (anche) in questa occasione si è dimostrata poco attenta verso forme d'arte che esulano da tutto ciò che è rassicurante.

Da segnalare infine, a margine del festival, la mostra Sound Images (curata da Walter Rovere), in cui erano esposte alcune opere di Andrea Centazzo, lavori grafici e pittorici ispirati alla notazione musicale.

Post a comment

Tags

More

Popular

Read Bobby Sanabria: Giving Credit Where It's Due
Read Pori Jazz 2022
Live Review
Pori Jazz 2022

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.