Tom Rainey Trio: Hotel Grief

Stefano Merighi BY

Sign in to view read count
Tom Rainey Trio: Hotel Grief
Se c'è Tom Rainey dietro i tamburi, state certi che la musica palpita, veleggia, s'impenna. Che sia un piano-trio jazz (Kenny Werner, Fred Hersch, Kris Davis) o un gruppo a composizione stratificata e complessa (Tim Berne), oppure un gioco di libera improvvisazione (i Lark, Tony Malaby), il drumming di Rainey è garanzia di sorpresa, tensione drammatica, finezza espressiva. Quando si impegna a fare il leader, coordina (più che dirigere) questo ottimo trio con Ingrid Laubrock e Mary Halvorson che, dopo i già notevoli Pool School e Camino Cielo Echo, raggiunge la vetta con questo Hotel Grief.

L'affascinante vaghezza onirica dei primi album si sostanzia qui con una musica più densa e corposa.

L'incipit fa pensare al trio aureo Paul Motian/Bill Frisell/Joe Lovano. Uno spazio orizzontale senza limiti a disposizione, per dar forma a sussurri e articolazioni subito serrate e coinvolgenti. Rainey si affida alla fantasia delle compagne, congiungendo ritmicamente le loro invenzioni a due voci. La cadenza abrasiva di Halvorson in "Last Overture" è eloquente a indirizzare gli impulsi in grado di trasformare di colpo i colori pastello in trame invece calde e possenti; Laubrock sfodera il suo fraseggio più tecnico e fisico. I tre strumenti sono in felice empatia, ciascuno con la sua specificità raggiunge la medesima lunghezza d'onda, c'è una coerenza linguistica che non molla per l'intera durata dell'album, inciso dal vivo al Cornelia Street Cafè di New York. È il miracolo talora realizzato dell'improvvisazione senza rete, là dove i musicisti coinvolti comunicano in telepatia e rilanciano senza sosta conversazioni interessanti.

Il brano più vario è quello che titola l'album, in cui Rainey è anche suggeritore primario e autore di interventi sottili. Anche in "Briefly Lompoc" c'è spazio per un breve solo di percussioni, prima delle astrazioni collettive. Ma, ribadiamo, la forza di Rainey non sta nella muscolarità percussiva, ma nel saper in ogni istante valorizzare la musica, riverberando ciò che sassofoni e chitarra costruiscono e fungendo da àncora in questo mare sonoro molto mosso. "Proud Achievements in Botany" è la sequenza più estesa e precede quella invece più breve, "Mr. K.C.," dedicata al batterista Keith Copeland (scomparso un anno fa). Cinque minuti finali quasi liturgici, con Laubrock al soprano, che chiudono un set davvero mirabile.

Track Listing

Last Overture; Hotel Grief; Briefly Lompoc; Proud Achievements in Botany; Mr. K.C. (for Keith Copeland).

Personnel

Tom Rainey: batteria; Ingrid Laubrock: sassofoni; Mary Halvorson: chitarra.

Album information

Title: Hotel Grief | Year Released: 2016 | Record Label: Intakt Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

View events near New York City
Jazz Near New York City
Events Guide | Venue Guide | Local Businesses | More...

Shop Amazon

More

Wandersphere
Borderlands Trio: Stephan Crump / Kris Davis /...
Kinds of Love
Renee Rosnes
Lockdown 2020
The Biscodini Organ Trio
In Our Time
Victor Gould
Someday, Something
Rebecca DuMaine
Lumina
Pedro Melo Alves
Human Rites Trio
Jason Kao Hwang
Re-Union
Matthew Shipp / William Parker

Popular

Absence
Terence Blanchard featuring The E-Collective
The Garden
Rachel Eckroth
Time Frames
Michael Waldrop

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.