All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Dave Holland, Zakir Hussain, Chris Potter: Good Hope

Emmanuel Di Tommaso By

Sign in to view read count
Dave Holland, Zakir Hussain, Chris Potter: Good Hope
Un frammento di mare aperto increspato dalle correnti e attraversato, al centro, da una successione di lettere che compongono il titolo del disco, Good Hope, e i nomi dei suoi autori: Dave Holland, Zakir Hussain e Chris Potter, membri componenti del Crosscurrents Trio. Fin dall'immagine di copertina, il disco esprime un senso di libertà selvaggia, di assenza di confini, di unione di molteplici e complessi elementi.

I componenti del Crosscurrents Trio si conoscono da diversi anni e alcuni di loro hanno già suonato insieme in altri progetti musicali. In particolare, il progetto nasce dall'iniziativa del contrabbassista Dave Holland e del percussionista maestro di tabla Zakir Hussain che, fuoriuscendo dall'esperienza del settetto dei Crosscurrents, invitano il sassofonista Chris Potter a formare un trio composto da elementi di grande esperienza e valore musicale, ma allo stesso tempo incentrato sull'esplorazione di territori ancora inediti d'espressione. Il Crosscurrents Trio è fondato sulla ricerca di un equilibrio perfetto fra le parti, e ogni sua componente partecipa all'atto creativo sia in termini di composizione che di esecuzione.

Good Hope è un disco fortemente visivo in cui il dipanarsi sinuoso del tessuto sonoro annulla totalmente la divisione in tracce generando una notevole compattezza musicale e concettuale (di grande importanza è stato da questo punto di vista il contributo dell'ingegnere del suono Chris Allen).

Lo schema di interplay è una sorta di processo di "distruzione creativa" fondato sull'annullamento dei ruoli tradizionali degli strumenti in gioco: il contrabbasso di Holland, attraverso linee profondamente eleganti, non accompagna ma piuttosto dà forma al tutto, dirige, detta i tempi soprattutto al sax di Potter che, come un incantatore di serpenti, trascina le direttrici melodiche all'apice della sublimazione e le offre ai ritmi percussivi di Hussain. Il tocco del maestro di origini indiane ha un sound pulito e ipnotico, raccoglie, scompone e rigenera le correnti trasversali che passano dalle sue parti insistendo su suggestioni orientali talmente consistenti da poterne sentire gli odori nell'aria.

Siamo davanti a un disco che guarda al futuro, mette la tecnica al servizio delle emozioni, non teme ma anzi promuove le diversità attraverso l'ibridazione dei suoni e delle culture. Una di quelle rare volte nella storia dell'arte in cui Occidente e Oriente si incontrano da eguali e possono riconoscersi l'uno nell'altro.

Album della settimana.

Track Listing

Ziandi; J Bhai; Lucky Seven; Suvarna; Island Feeling; Bedouin Trail; Good Hope; Mazad

Personnel

Dave Holland: double bass; Zakir Hussain: tabla; Chris Potter: saxophones

Album information

Title: Good Hope | Year Released: 2019 | Record Label: Edition Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Squirmin'
Jazz WORMS
Glowing Life
Sylvaine Hélary
All Figured Out
Derek Brown
Taftalidze Shuffle
Vlatko Stefanovski
Entendre
Nik Bartsch

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.