All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

William Tatge: General Cargo

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
William Tatge: General Cargo
General Cargo è il nuovo album in trio del pianista William Tatge, nato in Italia da genitori statunitensi, ed è la sua prima produzione discografica d'oltreoceano, dopo il suo trasferimento a New York alcuni anni orsono (clicca qui per leggere l'intervista che gli abbiamo fatto). Esteriormente il disco è un ritorno al tipo di formazione con cui aveva registrato nel 2009 Mutable Enclosures, primo lavoro a suo nome; di fatto siamo qui di fronte a un'opera complessa e matura, realizzata assieme al contrabbassista (cileno, ma anch'egli residente a New York) Pablo Menares e al batterista Nick Anderson.

Il disco è articolato su sette brani, tutti originali a firma del pianista, che esplorano atmosfere diverse impiegando stilemi altrettanto vari. Il tutto con la piena collaborazione dei due partner, come si addice a un piano trio moderno. Un piano trio, comunque, che non fa espliciti riferimenti alle analoghe formazioni contemporanee—spesso basate su un dinamismo di derivazione pop-rock, su cambi netti di ritmo e su stilemi percussivamente roboanti—ma invece parte dalla tradizione per mettere a punto una propria cifra.

Si alternano in tal modo momenti più ritmici e tesi come il brano di apertura—un continuo inseguirsi di riff percussivi—o ”Have You See Robert Boston”, altri più narrativi, come ”The Lay of the Land”, altri ancora maggiormente complessi e intrecciati, qual è ”Hidden Agenda”, fino a lunghe e lente meditazioni, come la conclusiva ”Sentinel”—che progressivamente cresce e s'impenna—o ”Mother Of Nothing”—forse il momento più alto del lavoro. Qui i suoni del trio emergono nella loro piena suggestione: il contrabbasso di Menares a lungo prima voce e poi sempre presente come riferimento del procedere; i piatti di Anderson costantemente sullo sfondo a offrire un onirico cromatismo; la tastiera di Tatge ora d'appoggio, ora a esplicitare il discorso musicale, basato su un tema semplice, ma cangiante al mutare degli intrecci sonori.

Molto particolare la seconda parte di ”Civilization”, nella quale i tre musicisti si muovono quasi in assolo alternato, con uno di loro impegnato per poche battute nella creazione e gli altri a supportarlo, fino al cambio di ruolo.

Lavoro dunque interessante di un musicista che mette a frutto la sua biografia complessa, che lo rende partecipe della cultura europea e di quella statunitense, dell'universo classico e di quello jazzistico.

Track Listing

Illegal Machines; The Lay of the Land; Hidden Agenda; Civilization; Mother of Nothing; Have You See Robert Boston; Sentinel.

Personnel

William Tatge: piano; Pablo Menares: bass; Nick Anderson: drums.

Album information

Title: General Cargo | Year Released: 2018 | Record Label: Brooklyn Jazz Underground Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Read How To turn the Moon
How To turn the Moon
Angelica Sanchez & Marilyn Crispell
Read The Path
The Path
Chien Chien Lu
Read Golden Daffodil
Golden Daffodil
Leslie Beukelman
Read Message from Groove and GW
Message from Groove and GW
The Radam Schwartz Organ Big Band
Read Duos & Trios
Duos & Trios
Armaroli - Schiaffini - Sjostrom
Read Hard Bop
Hard Bop
Eric Binder
Read How Can We Wake?
How Can We Wake?
Josephine Davies
Read Blue Has A Range
Blue Has A Range
Steve Cardenas

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.