Home » Articoli » Live Review » Gabriele Mitelli European Quartet alla Camera del Lavoro

Gabriele Mitelli European Quartet alla Camera del Lavoro

By

Sign in to view read count
Gabriele Mitelli European Quartet—Urto
Atelier Musicale—XXV Edizione
Auditorium G. Di Vittorio della Camera del Lavoro
Milano
10.11.2018

Nella settimana in cui tutta l'attenzione degli appassionati milanesi era focalizzata sul festival JazzMI, il concerto dello European Quartet del trombettista Gabriele Mitelli (qui anche in veste di sax-sopranista dai vaghi sentori di Roscoe Mitchell e Evan Parker) in compagnia di Alexander Hawkins al pianoforte, John Edwards al contrabbasso e Mark Sanders alla batteria, rischiava di passare inosservato. Ma fortunatamente, dopo venticinque anni di attività, anche la rassegna Atelier Musicale può contare su un pubblico affezionato che segue con attenzione ciò che i direttori artistici Maurizio Franco e Giuseppe Garbarino propongono.

Nello specifico, un concerto che ha visto salire sul palco alcuni dei migliori talenti del jazz europeo. Una collaborazione, quella tra Mitelli e Hawkins, ben consolidata. Memorabile un concerto cui abbiamo assistito in quel formidabile crogiolo di incontri e avanguardie che è il festival Ai Confini Tra Sardegna e Jazz.

In programma, alcuni brani del trombettista: Karma, Mariangela, Astral Line in the Sky, Mamaka. In realtà, una lunga suite di libera improvvisazione in cui i frammenti e gli spunti tematici fungevano da pre-testo per imprimere svolte e nuove direzioni alla musica. Una prassi che risale agli anni '60 e che qui ci è sembrata richiamare in particolar modo Don Cherry. Non a caso, a posteriori abbiamo sentito qualcuno dei presenti definire questo concerto come "datato" per impostazione e tipologia.

Verissimo!

E tuttavia, la classe dei musicisti sul palco, l'energia e la sincera adesione a questo modello improvvisativo, la qualità dell'interplay, hanno dato vita ad un concerto godibilissimo, ricco di squarci illuminanti. Tra ribolliture magmatiche, torride esplosioni, momenti di delicatezza melodica in cui la musica rientrava nell'alveo dell'improvvisazione idiomatica, in un gioco di dinamiche e tensioni non facile ma decisamente appagante.

Foto di repertorio.

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Jazz article: Sun Ra Arkestra at Great American Music Hall
Jazz article: The Jazz Cruise 2024
Live Review
The Jazz Cruise 2024
Jazz article: Kenny Barron Residency at SFJAZZ Center

Popular

Read The Jazz Cruise 2024
Read The Jazz Photographer: Philip Arneill
Read Eddie Henderson: Everything Changes
Touchstone Album Picks
Eddie Henderson: Everything Changes

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.