Home » Articoli » Shinya Fukumori: For 2 Akis

Album Review

Shinya Fukumori: For 2 Akis

By

Sign in to view read count
Shinya Fukumori: For 2 Akis
Una bella sorpresa questo trio multinazionale (ma con sede a Monaco) al debutto per ECM, guidato dal trentaquattrenne giapponese Shinya Fukumori e completato dal trentacinquenne tenorsassofonista francese Matthieu Bordenave e dal cinquantasettenne pianista tedesco Walter Lang.

Fukumori, che prima di dedicarsi alla batteria aveva suonato il violino e il pianoforte, è giunto alcuni anni fa in Baviera proprio perché appassionatosi alla musica ECM (cita tra coloro che lo hanno influenzato Ketil Bjørnstad e Eberhard Weber) e vi ha messo in piedi questo trio con Lang, conosciuto già in Giappone a un concerto del pianista, e Bordenave, incontrato invece in Germania. I tre vi fondono sensibilità e influenze diverse (il pianista è noto per i suoi duetti con Lee Konitz, il sassofonista ha un trio con chitarra e batteria che rilegge canzoni popolari come quelle di Edith Piaf), portando ciascuno proprie composizioni (cinque il leader, due Lang, una Bordenave), ma soprattutto lavorando in modo assai interessante e originale sulla musica etno-pop giapponese del Novecento, la Shōwa Kayō.

È da questo filone che provengono infatti i brani che costituiscono l'ossatura dell'album: quello di apertura e chiusura, esposto in due versioni; il primo di "The Light Suite," "Kojo No Tsuki" (che curiosamente era stato suonato nientemeno che da Thelonious Monk in Straight, No Chaser con il titolo "Japanese Folk Song"); "Mongetsu No Yube," scritto da due popolari compositori dopo il tragico terremoto del 1995; la incantevole "Ai San San," forse il momento più bello dell'album. Ma, va osservato, quel tipo di lirismo melanconico fa da ispiratore anche alle composizioni originali, vuoi perché per Fukumori considera la Shōwa Kayō l'equivalente giapponese del blues, patrimonio culturale dei suoi genitori, vuoi perché entrambi i suoi compagni sono appassionati di cultura nipponica e in essa hanno cercato di calarsi nel momento di produrre musica per questa formazione.

Ne risulta una singolarissima versione di quella parte dello stile ECM che si potrebbe denominare come "jazz melodico europeo," ma che qui -grazie alle influenze orientali -si appoggia a un lirismo personale e originale, oltre che sulle eccellenti caratteristiche dei tre protagonisti: sensibile e ricco di colori il batterista, tradizionale ma con fraseggi ed espressività sue proprie il pianista, lirico e dal suono tanto suadente, quanto pieno e cangiante il tenorista. Tre individualità molto interessanti che contribuiscono a fare di For 2 Akis una piccola perla, inattesa e perciò ancor più apprezzabile.

Track Listing

Hoshi Meguri No Uta; Silent Chaos; Ai San San; For 2 Akis; The Light Suite: Kojo No Tsuki/Into The Light/The Light; No Goodbye; Spectacular; Mangetsu No Yube; Émeraude; When The Day Is Done; Hoshi Meguri No Uta (Variation).

Personnel

Shinya Fukumori: drums; Matthieu Bordenave: tenor saxophone; Walter Lang: piano.

Album information

Title: For 2 Akis | Year Released: 2018 | Record Label: ECM Records

Post a comment about this album

Tags

More

Earthshine
Meridian Odyssey
Earth Patterns
Szun Waves
Involutions
Springbok
Off-Kilter
John Yao

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.