All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Massimo De Mattia: Ethnoshock!

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Si lamenta spesso che oggi il jazz non abbia più quella componente di impegno sociale e politico che ha avuto in filigrana fin dalla sua origine e che era esplicita e potente negli anni Sessanta-Settanta. In realtà non è così: forse quella componente è meno diffusa che in passato, ma non è scomparsa ed è particolarmente presente nella musica improvvisata. Non a caso, va aggiunto, visto che si tratta di una delle parti del jazz meno omologate alle logiche economiche, che oggi è come dire alle logiche della politica.

Ne è esempio questo disco del quartetto Suonomadre, registrazione di una performance dal vivo al festival Udin&Jazz 2018 (clicca qui per leggerne la recensione) del quale riprende il titolo Etnoshock. Una performance realizzata con un preciso intento: opporsi a certe scelte di amministrazioni pubbliche in campo artistico, ma anche politico, e per questo condotta volutamente sul rischioso versante dell'improvvisazione, in un contesto—piazza Matteotti, la piazza del mercato di Udine—aperto a un pubblico vario e perlopiù non abituato a certi suoni.

A quella performance eravamo presenti e ne apprezzammo la qualità e il rigore, ma anche la riuscita della comunicazione: a dispetto della sua "inattualità," infatti, il pubblico rimase ad ascoltarla fino alla sua conclusione, avvinto da quei suoni così inusuali. E adesso, a risentirla su supporto registrato, essa mantiene tutto il suo fascino, la sua coerenza, la sua scintillante e variopinta poliedricità.

Alla testa del quartetto, ispiratore della musica e del suo contenuto politico, il flautista Massimo De Mattia, di anno in anno sempre più protagonista di questa musica nel nostro paese, a dispetto del suo suonare quasi esclusivamente nel nordest. In questo caso, sospinto dall'afflato sociale, si produce con i suoi flauti in affreschi quasi sempre fortemente dinamici, dal forte impatto emotivo. Lo affiancano e sostengono Giorgio Pacorig al Fender Rhodes e al Korg e Luigi Vitale al vibrafono, il primo creando atmosfere elettriche tanto inattese, quanto appropriate, il secondo completando la tavolozza timbrica con suoni scintillanti. Completa la formazione Zlatko Kaućić, grande interprete dell'improvvisazione libera, stavolta impegnato a una "normale" batteria, che infatti fa a momenti esplodere fragorosamente, ancorché in modo del tutto inusuale e con intenti più coloristici e narrativi che non ritmici.

Le sei tracce, per un totale di poco più di quaranta minuti, hanno grande coerenza stilistica quanto totale imprevedibilità di sviluppi. Tutte attraversate in filigrana da un lirismo che trascina il discorso drammaturgico, vivono tuttavia della bellezza e della libertà dei suoni. Tra tutte spicca forse "Suburbs," sette minuti nel corso dei quali lo scenario muta ripetutamente, dando spazio agli interventi di tutti e culminando in una prolusione quasi a ondate, intensissima e trascinante, scandita da ripetute scosse prodotte dalla batteria di Kaucic.

Splendido disco, che dimostra in una volta sola che la libera improvvisazione può essere proposta anche nei festival—cosa che invece quasi mai si verifica—e l'importanza della sua valenza politica.

Album della settimana.

Track Listing: Appropriation Art; Suono Rosso; What Music Do Pet Like?; Giapeto; Suburbs; Ethnoshock!

Personnel: Massimo De Mattia: flutes; Luigi Vitale: vibes, balaphon, electronics; Giorgio Pacorig: Fender Rhodes, Korg Ms20; Zlatko Kaucic: drums, percussions, electronics.

Title: Ethnoshock! | Year Released: 2018 | Record Label: Caligola Records

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Interviews
Album Reviews
Read more articles
Desidero vedere, sento

Desidero vedere, sento

Setola di Maiale
2018

buy
Ethnoshock!

Ethnoshock!

Caligola Records
2018

buy
 

Trilemma

Caligola Records
2013

buy
 

Mikiri+3

Jon Lax Music / Laxmedia
2012

buy
 

Atto di dolore

Jon Lax Music / Laxmedia
2011

buy

Related Articles

Read Sheer Reckless Abandon Album Reviews
Sheer Reckless Abandon
By John Kelman
May 19, 2019
Read Gratitude: Stage Door Live @ the Z Album Reviews
Gratitude: Stage Door Live @ the Z
By Jack Bowers
May 19, 2019
Read To My Brothers Album Reviews
To My Brothers
By Victor L. Schermer
May 19, 2019
Read Social Music Album Reviews
Social Music
By Roger Farbey
May 19, 2019
Read Circle Inside The Folds Album Reviews
Circle Inside The Folds
By John Eyles
May 18, 2019
Read Momentum Album Reviews
Momentum
By Jerome Wilson
May 18, 2019
Read Bonsai Club Album Reviews
Bonsai Club
By Roger Farbey
May 18, 2019