Home » Articoli » Mat Maneri: Dust

Album Review

Mat Maneri: Dust

By

Sign in to view read count
Mat Maneri: Dust
Nuovo lavoro di Mat Maneri assieme a quello che pare ormai il suo compagno di viaggio prediletto, il pianista rumeno Lucian Ban. I due—che dopo il loro >Transylvanian Concert (ECM, 2013), hanno collaborato numerose volte—sono qui affiancati dall'eccellente contrabbassista John Hébert e dal batterista Randy Peterson, e si dividono anche la titolarità dei brani—cinque di Maneri, due di Ban, mentre i rimanenti due sono improvvisazioni totali.

La cifra del lavoro non è poi così diversa dal lavoro in duo di sette anni fa: tempi lenti e atmosfere rarefatte, percorsi sognanti e dolenti nei quali squarci di melodia si intrecciano a libere perlustrazioni dei territori armonici e timbrici, guidati ora dal suono singolare, spesso straziante e dissonante della viola di Maneri, ora dal pianoforte cangiante, in equilibrio tra lirismo e astrattezza contemporanea di Ban. Solo che qui il discorso si fa più complesso—e per certi versi più completo—grazie all'ampliamento della tavolozza timbrica: la profondità di suoni di Hébert, infatti, si fa costantemente sentire anche senza che il suo contrabbasso balzi spesso in primo piano; analogamente, il contributo di Peterson, pur discreto, non manca di caratterizzare i momenti in cui si innalza la tensione dinamica—sì ascolti a mo' d'esempio la parte conclusiva del brano d'apertura, "Mojeve."

Ne scaturisce una musica per lunghi tratti bleyana, sospesa e dilatata, entro la quale il suono della viola, quasi voce umana, si scava spazi introspettivi, di grande efficacia espressiva. La drammaticità di quella voce è spesso temperata dalle note assai più cristalline del pianoforte, ma anche dal timbro nitido, ancorché scuro, del contrabbasso, dando così vita a un bilanciatissimo caleidoscopio sonoro. L'unico difetto che può essere imputato al lavoro è, a dispetto della coautorialità e della presenza di improvvisazioni, una certa uniformità, la quale—anche stante il fatto il clima brumoso e privo di forti mutamenti interni ai brani—può dare ad alcuni ascoltatori un certo senso di piatta ridondanza, che è possibile esorcizzare solo prestando forte attenzione alle microvariazioni timbriche e tonali delle quali Maneri, memore della lezione del padre Joe, è sicuro maestro.

Disco forse non per tutte le orecchie, ma di notevole fascino.

Track Listing

Mojave; 51 Sorrows; Red Seven; Motian; Two Hymns; Losed; Last Steps; Retina; Dust.

Personnel

Mat Maneri: viola.

Additional Instrumentation

Mat Maneri: viola; Lucian Ban: piano; John Hébert: bass; Randy Peterson: drums.

Album information

Title: Dust | Year Released: 2019 | Record Label: Sunnyside Records

Post a comment about this album


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

The Pan American Nutcracker Suite
Joe McCarthy's New York Afro Bop Alliance Big Band
Gordon Grdina's The Twain feat. Dōjō and...
Gordon Grdina's The Twain feat. Dōjō and...
Senkya Padna
Bodurov Trio

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.