Home » Articoli » Live Review » Cosimo Boni Quintet al Brillante di Firenze

1

Cosimo Boni Quintet al Brillante di Firenze

Cosimo Boni Quintet al Brillante di Firenze

Courtesy Giampaolo Becherini

By

Sign in to view read count
Cosimo Boni
Move On
Brillante—Nuovo Teatro Lippi
Firenze
25.2.2024

Trombettista toscano trentatreenne, a lungo negli U.S.A. per ragioni di studio e ritrovatosi di nuovo in patria a seguito della pandemia, Cosimo Boni è da poco uscito con il suo primo disco a proprio nome, May Be—Unable to Return, pensato a Boston, registrato a New York e presentato dal vivo a Firenze per il progetto Move On di Music Pool.

Sul palco fiorentino era in verità presente solo uno dei componenti il quintetto che ha registrato il disco, l'unico italiano, per quanto residente da dodici anni in America: l'altosassofonista Daniele Germani, che con Boni ha condiviso anni di studio oltreoceano, così come il pianista Justin Salisbury, anch'egli giunto in Italia per l'occasione, attirato anche dall'amore per la nostra lingua. A completare la formazione, due eccellenti musicisti nostrani: al contrabbasso Francesco Ponticelli, che con Boni collabora da tempo nel progetto Xenya, e alla batteria Andrea Beninati. In programma i brani del disco, tutti di Boni tranne una composizione di Germani.

Non sorprendentemente la musica ha svelato una cifra molto più classicamente "americana" di quanto si sia soliti ascoltare dai nostri gruppi: folgorato in giovanissima età dalla tromba di Miles Davis, formatosi prima con il trombettista fiorentino Franco Baggiani, poi alla Berklee con maestri come Danilo Pérez e Joe Lovano, Boni ha proposto composizioni di modern jazz che riecheggiavano il quintetto di Miles degli anni Sessanta, in modo tuttavia non calligrafico: se infatti il trombettista riprendeva alcuni tipici stilemi davisiani, ne aggiornava anche contorni e dettagli, spingendosi in assoli personali e attuali; al suo fianco Germani proponeva con il suo contralto un suono e un fraseggio decisamente originali, anch'essi in parte ripresi dalla tradizione —in questo caso quella del cool jazz e delle scuole di Lee Konitz e Warne Marsh —che tuttavia sono oggi assai raramente riproposti e comunque erano ben personalizzati dal giovane altosassofonista.

Non meno interessante lo stile pianistico mostrato da Salisbury, assai ben integrato con lo stile dei due compagni, ma anche in parziale e virtuoso contrasto, in quanto più astratto e luminoso. Più misurati e discreti i due italiani che completavano la ritmica, anche se non sono mancati neppure per loro, in particolare per il batterista, spazi in assolo.

Un concerto interessante, dunque, sia perché metteva in vetrina giovani musicisti ben poco noti —chi scrive aveva già avuto modo di apprezzare Boni, come ospite di altri progetti, sia dal vivo che su disco, ma non conosceva né Salisbury, né l'interessantissimo Germani —sia per come essi vi attingevano alla tradizione in modo tanto diretto, quanto originalmente rielaborato. Buona notizia, infine, che in uno spazio periferico, non vocato e in via di rivitalizzazione, il pubblico fosse tutt'altro che ridotto.

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Near

More

Jazz article: Hiromi's Sonicwonder At SFJAZZ
Jazz article: Joel Frahm Trio At Scott's Jazz Club
Jazz article: Tony Miceli Quintet at Chris’ Jazz Café

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.